giovedì 28 febbraio 2019

Il teatro dell’assurdo

[Con il sudore della tua fronte mangerai il pane, finché tornerai alla terra. Genesi] Una commissione d'inchiesta dell'Onu ha accusato Israele di avere aperto intenzionalmente il fuoco contro civili palestinesi durante manifestazioni lo scorso anno a Gaza in cui morirono 189 persone. Un comportamento che potrebbe configurare un crimine contro l'umanità. La commissione, incaricata dal Consiglio per i diritti umani, ha detto che oltre 6.000 persone sono state colpite da proiettili sparati da cecchini israeliani per respingere i manifestanti vicino alle barriere di confine.    Israele respinge il rapporto della Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu. Lo ha detto il ministro degli esteri ad interim Yisrael Katz definendo il Consiglio stesso "un teatro dell'assurdo che ha prodotto un altro ostile, falso e prevenuto" atto. Il Consiglio dei diritti umani dell'Onu "fissa nuovi record di ipocrisia e di menzogna in un odio ossessivo verso Israele, l'unica democrazia del Medio Oriente". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyhau denunciando che "è Hamas che spara missili contro civili israeliani, che lancia ordigni esplosivi e conduce operazioni di sabotaggio nel corso delle manifestazioni violente sul confine". "Israele non consentirà ad Hamas di colpire la propria sovranità e i suoi cittadini e si riserva di garantire il proprio diritto all'autodifesa. I soldati di Israele - ha concluso - continueranno a proteggere con determinazione i nostri civili dagli attacchi di Hamas e delle organizzazioni terroristiche finanziate dall'Iran che enuncia la propria intenzione di distruggere Israele". 

Nessun commento:

Posta un commento