giovedì 24 gennaio 2019

Chiesto processo per Salvini

[Beati gli affamati di giustizia, perché saranno saziati. Matteo evangelista] Nel 2018 a Lampedusa il numero complessivo degli sbarchi "è stato superiore all'anno precedente, anche se con minori arrivi di extracomunitari, circa 3.400. Ma, con buona pace del ministro dell'Interno Matteo Salvini, il porto rimane aperto e anche il centro d'accoglienza, che doveva essere chiuso due anni fa per decisione del precedente governo". Lo dice il sindaco delle Pelagie, Totò Martello, spiegando che nell'isola "le cose vanno all'opposto di come le descrive Salvini". "Qualche giorni fa - aggiunge Martello - la Guardia costiera ha soccorso 68 extracomunitari, altri 13, tunisini, sono arrivati su una barca. Tutti quanti si trovano ora nel centro d'accoglienza, nell'unica ala agibile dopo i danni subiti da vari incendi". "Ci riprovano, torno ad essere indagato per sequestro di persona e di minori, con una pena prevista da 3 a 15 anni. Manco fossi uno spacciatore o uno stupratore. Ora la parola passa al Senato e ai senatori che dovranno dire si o no, libero o innocente, a processo o no. Ma lo dico fin da ora, io non cambio di un centimetro la mia posizione". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato in una diretta Facebook la decisione del tribunale dei ministri di Catania di chiedere l'autorizzazione a procedere nei suoi confronti. La decisione del tribunale dei ministri arriva dopo la richiesta motivata di archiviazione avanzata dalla procura di Catania.  "Non si può ignorare l'arrivo di questi disgraziati, gente che scappa da una situazione tremenda, e lasciarli morire in mare". Miriam Toaff, figlia di Elio Toaff (1915-2015), che fu rabbino capo ad Ancona dal 1941, ha partecipato al Consiglio regionale delle Marche aperto in occasione del Giorno della Memoria, a cui partecipano anche studenti di diverse scuole primarie, secondarie e superiori delle Marche. "Qualche cosa bisogna fare - ha risposto la Toaff a una domanda dei giornalisti su un possibile collegamento tra memoria della Shoah e migranti - o s'impedisce che partano, dando loro la possibilità di vivere dove sono o bisogna aiutarli. Se gli italiani non avessero aiutato gli ebrei... - ha aggiunto -, anche se gli ebrei non erano migranti: hanno fatto passare le linee, li hanno aiutati in vari modi. Non tutti, ma molti degli italiani hanno aiutato gli ebrei e noi dobbiamo aiutare questa gente"."Riunione il 7 dicembre e comunicazione il 24 gennaio", e poi applausi verso la telecamera. "In un'azienda qualunque qualcuno dovrebbe dare le dimissioni". Così il ministro dell'Interno, in diretta Facebook, commenta il documento della procura di Catania che lo indaga per sequestro di persona aggravata nei confronti dei 174 migranti della nave Diciotti. Il ministro viene accusato di "aver abusato dei suoi poteri". "I giudici facciano i giudici, i ministri fanno i ministri ed esercitano i loro poteri", aggiunge Salvini. "Ennesime provocazione in vista: dopo aver sostato per giorni in acque maltesi, la nave olandese Sea Watch3 con 47 a bordo si sta dirigendo verso l'Italia. Ribadisco che la nostra linea non cambia, né cambierà. Nessuno sbarcherà in Italia. Pronti a mandare medicine, viveri e ciò che dovesse servire ma i porti italiani sono e resteranno chiusi". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini. La nave trasporta 47 persone soccorse alcuni giorni fa e si trova in acque internazionali al largo di Lampedusa, in condizioni meteorologiche sfavorevoli. "Sul nostro mare si sta abbattendo un ciclone mediterraneo, fenomeno meteo piuttosto raro con onde di 7 metri, pioggia e vento gelido. #SeaWatch sta navigando in questa tempesta cercando un riparo con a bordo 47 naufraghi soccorsi sabato scorso". Lo scrive Sea Watch su twitter, motivando così gli spostamenti della nave nelle ultime ore.


4 commenti:

  1. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini è stato nuovamente iscritto nel registro degli indagati per il reato di "sequestro di persona commesso in Siracusa dal 24 al 30 gennaio 2019". Lo ha detto lo stesso Salvini a Monza spiegando che il procuratore Carmelo Zuccaro ha presentato una "contestuale richiesta di archiviazione". "Ne approfitto per rispondere a qualche ministro: per me i porti rimarranno chiusi", ha detto Matteo Salvini a Monza annunciando di essere stato nuovamente indagato. "Rispetto il lavoro del collega di Maio che si occupa di lavoro, ma sui temi di controllo dei confini e di criminalità organizzata sono io a decidere", ha detto a Monza il ministro dell'Interno Matteo Salvini, rispondendo al ministro del Lavoro secondo il quale la chiusura dei porti è una soluzione "solo temporanea". "Se il ministro Di Maio e Trenta la pensano in modo diverso lo dicano in Cdm e faremo una franca discussione - ha proseguito - I porti con me rimangono indisponibili chiusi e sigillati ai mercanti di esseri umani".

    RispondiElimina
  2. Una multa di duemila euro è stata notificata dalla Capitaneria di porto di Siracusa ai tre deputati che il 27 gennaio scorso salirono a bordo della Sea Watch, al largo di Siracusa dopo aver soccorso 47 migranti e bloccata in rada dalle autorità. Sono Riccardo Magi di +Europa, Nicola Fratoianni di Sinistra italiana e Stefania Prestigiacomo di Forza Italia, che lo hanno reso noto attraverso i social.    Ai parlamentari, che avevano raggiunto la Sea Watch su un gommone, viene contestato di essere saliti a bordo della nave prima che fosse fatta la libera pratica e prima del medico, come prescrive la legge per le imbarcazioni che arrivano da paesi extraeuropei. Una contestazione definita "infondata e pretestuosa" da Magi e Fratoianni parlamentari "perché la nave non aveva fatto scalo in paesi extraeuropei".

    RispondiElimina
  3. "Il tribunale dei ministri di Catania sta aprendo un altro fascicolo perché il sequestro di persona aggravato dal sequestro di minori comporta fino a 15 anni di carcere: se vogliono portarmi a processo perché difendo il mio paese, mi portino a processo e ci vado col sorriso sulle labbra: dopo l'assoluzione, vengo a farmi un bagno a San Giuliano per festeggiare". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini.

    RispondiElimina
  4. Alla procura di Agrigento verrà ascoltato il capitano della Sea Watch 3, Arturo Centore, unico iscritto finora nel registro degli indagati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina dopo il soccorso prestato ad un gommone carico di migranti trasportato a Lampedusa. "Al nostro comandante Arturo l'abbraccio e il sostegno dell'equipaggio e di tutta Sea-Watch. Salvare vite non è reato".    Dice la ong tedesca. La procura di Agrigento convalida il sequestro della Sea Watch 3 e indaga il comandante per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Salvini è convinto che andrà diversamente rispetto alla Mare Jonio, subito dissequestrata. 'Conto che questo sia stato l'ultimo viaggio illegale di questa nave fuorilegge'. Sulle accuse al pm Patronaggio, scontro con l'Anm: 'Delegittima la magistratura. Intanto, critica il titolare del Viminale il vescovo di Mazara del Vallo Mogavero: 'Non può dirsi cristiano'. Lui replica: ''Testimonio la fede combattendo gli schiavisti'. "Nessuno mette in discussione" il lavoro dei magistrati: "ho pieno rispetto delle indagini e prendo atto con soddisfazione che è stato indagato il comandante della Sea Watch per favoreggiamento, a riprova del fatto che non è una fantasia quello che denuncio da mesi. Questi sono aiutanti degli scafisti e spero che la procura vada fino in fondo" Lo ha detto Matteo Salvini ribadendo che ci sono "evidenze di connivenze tra trafficanti di esseri umani e aiutanti di esseri umani". "Conto - ha aggiunto - che questo sia stato l'ultimo viaggio illegale di questa nave fuorilegge"

    RispondiElimina