martedì 25 settembre 2018

Aquarius avanti tutta

[Un amore senza baci è come un colloquio senza parole.  Anonimo] La nave Aquarius è di nuovo in acque internazionali dopo un lungo scalo tecnico a Marsiglia ed è diretta verso la zona di ricerca e soccorso internazionale nel Mediterraneo centrale, dove prevedono di arrivare in tre giorni.    Lo rendono noto su Twitter Medici senza frontiere e Sos Méditerranée, le ong che operano sulla nave. La Aquarius, già al centro di un duro braccio di ferro con il governo italiano a metà agosto, sarà dunque l'unica nave di ong impegnata al momento nel soccorso dei migranti che cercano di raggiungere l'Europa. L'imbarcazione, che trasportava 141 migranti, era stata fatta sbarcare a Malta il giorno di Ferragosto, dopo che diversi Paesi europei, in coordinamento con la Commissione Ue, avevano trovato un'intesa per accoglierne ciascuno una quota. La Francia accoglierà 18 dei 58 migranti presenti a bordo della nave Aquarius: è quanto riferiscono fonti del governo francese, aggiungendo che nel quadro di questa nuova ripartizione europea la Germania ne accoglierà 15, altri 15 la Spagna mentre il Portogallo ne prenderà 10, come già annunciato in precedenza.

Nessun commento:

Posta un commento