giovedì 9 agosto 2018

Presunta dignità

[Picchia tua moglie una volta al giorno. Tu non sai perché, ma lei sì. Proverbio cinese] Via libera definitivo al decreto dignità, che cambia le regole su contratti a termine e delocalizzazioni e vieta la pubblicità del gioco d'azzardo.  "Cittadini 1, sistema 0', ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, sottolineando che "dopo decine di anni è stato approvato il primo decreto non scritto da potentati economici e lobby". Protesta plateale in Aula del Pd che ha esposto cartelli con scritto '-80mila, #byebye Lavoro', riferendosi alle cifre sulla riduzione dei contratti a tempo determinato previste nei prossimi 10 anni dalle stime dell'Inps. Bisogna credere, ribatte sempre il ministro alle stime dei "60mila posti in più" grazie alla proroga degli incentivi per le assunzioni degli under 35. Diverse altre le novità introdotte, dai voucher per gli alberghi, passando per il concorso "straordinario" per le maestre diplomate, il periodo transitorio per i contratti a termine in essere, l'esenzione delle famiglie dal costo aggiuntivo dei rinnovi dei contratti per colf e badanti. Ecco le principali misure del nuovo testo del decreto.  Prorogato nel biennio 2019-20 il bonus assunzioni al 50% dei contributi fino gli under 35 (non solo per gli under 30 come previsto dalle vecchie norme). Lo sconto vale per tre anni, tetto massimo 3.000 euro.Dovrebbe favorire 62mila nuove assunzioni nel biennio. Massimo 24 mesi per il tempo determinato, dopo i primi 12 vanno indicate le causali, senza il contratto diventa automaticamente stabile. Ogni rinnovo a partire dal secondo ha un costo contributivo aggiuntivo dello 0,5%, escluso il lavoro domestico. Ridotte da 5 a 4 le proroghe. La stretta vale anche per i contratti a termine in somministrazione, esclusi i portuali. La stretta non si applicherà subito anche ai contratti in corso, ma scatterà da novembre. Fino al 31 ottobre rinnovi e proroghe di contratti in corso potranno essere firmati secondo le vecchie regole. In caso di licenziamento illegittimo le indennità passano da a minimo di 6 a un massimo di 36 mensilità. Ok a una modifica che aumenta l'indennità anche in sede di conciliazione (3-27 mesi). Voucher fino a 10 giorni esteso a piccoli alberghi e strutture ricettive del turismo fino a 8 dipendenti (non più 5) l'utilizzo dei nuovi voucher, di durata massima 10 giorni, anziché 3. Come già previsto potranno essere utilizzati come forma di pagamento per il lavoro di pensionati, disoccupati, studenti fino a 25 anni e percettori di forme di sostegno al reddito. Semplificato l'utilizzo per l'agricoltura.  Sanzioni da 2 a 4 volte i benefici per le aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati. Anche il beneficio andrà restituito con interessi maggiorati fino a 5 punti. Meccanismo di 'recapture' per l'iperammortamento in caso di delocalizzazione o cessione degli investimenti. Scatta la revoca anche per gli aiuti legati a impatti occupazionali davanti a un taglio del 50% dei posti di lavoro. Logo 'no slot' per chi elimina le macchinette, tessera sanitaria obbligatoria per giocare, come per le sigarette, e scritta, anche sui Gratta e Vinci, "il gioco nuoce alla salute". Tra le novità anche un maggiore aumento del Preu per finanziare il bonus assunzioni. Inasprite le sanzioni per chi viola il divieto di pubblicità sul gioco d'azzardo, che dal 2019 anche per le sponsorizzazioni: previste multe del 10% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità, da un minimo di 50.000 euro". Salvi i contratti in essere per non più di un anno. Stop al trattenimento diretto dell'Iva da parte dello Stato per i professionisti. Il calo del gettito è coperto sempre dal rincaro del Preu sui giochi e da fondi Mise e Mef. Rinviate le scadenze dello spesometro. Entra nel decreto anche il rinvio dell'obbligo di fattura elettronica per i benzinai al primo gennaio. Il dl cancella la disciplina voluta dall'ex ministro Lotti con l'ultima legge di bilancio che consentiva di esercitare lo sport dilettantistico anche a scopo di lucro. Le maestre con diploma magistrale ante 2001-2002 potranno comunque insegnare, a dispetto dello stop arrivato dal Consiglio di Stato. La norma originaria viene modificata prevedendo la proroga dei contratti fino al 30 giugno 2019 (con la trasformazione però a tempo determinato anche dei contratti stabili) e un concorso straordinario. Eliminato il limite di 36 mesi per i precari. Con un emendamento a firma Baldelli (FI), è stata concessa a imprese e professionisti la possibilità anche nel 2018 di compensare le cartelle esattoriali con i crediti fiscali con la p.a.

Nessun commento:

Posta un commento