venerdì 27 luglio 2018

Deludono gli amici di Fb

[Nei tempi antichi si scriveva una parola dopo l'altra senza un'interruzione e ciò fa rabbrividire ora però non si scrive nient'altro che segni di interpunzione, nessuna parola. Anonimo] Facebook chiude il secondo trimestre con ricavi in aumento del 42% a 13,2 miliardi di dollari, sotto le attese degli analisti, che scommettevano su 13,4 miliardi. Delude anche la crescita degli utenti, saliti dell'11% a 1,47 miliardi di amici al giorni, meno delle attese del mercato che prevedeva un aumento del 13% a 1,48 miliardi. L'utile netto si è attestato a 5,1 miliardi di dollari. I risultati sotto le attese affondano il titolo Facebook in Borsa dove perde il 23,68% nelle contrattazioni after hours. I titoli affondano con i risultati trimestrali deludenti e con le parole del chief financial officer David Wehner, che ha messo in guardia su un possibile rallentamento della crescita dei ricavi. Negare l'Olocausto è "profondamente offensivo", ma questo tipo di contenuti non va vietato da Facebook. Lo afferma l'amministratore delegato del social network, Mark Zuckerberg, spiegando che Facebook rimuove contenuti se si traducono in danni reali, fisici o in attacchi a individui. "Non penso che la nostra piattaforma dovrebbe rimuovere" questi post o commenti, "perché penso che ci sono diverse cose su cui le persone sbagliano. E non penso che sbaglino intenzionalmente", ha spiegato Zuckerberg in un'intervista a ReCode: “è difficile mettere in dubbio la volontà e capirla. Semplicemente, per quanto siano ripugnanti alcuni esempi, la realtà è che anch'io a volte sbaglio quando parlo in pubblico", ha aggiunto in modo quasi profetico. La polemica è immediata. L'Anti-Defamation League ritiene che Facebook abbia "l'obbligo morale e etico" di non consentire alla gente di disseminare idee sulla negazione dell'Olocausto sulla sua piattaforma. "La negazione dell'Olocausto è una tattica ingannevole volontaria, deliberata e che va avanti da tempo da parte degli anti semiti che è senza dubbio odiosa, dolorosa e pericolosa", ha spiegato il Ceo Jonathan Greenblat. Di fronte all'ondata di critiche per l'intervista a Recode, Zuckerberg è costretto a chiarire: "c'è una cosa su cui voglio essere chiaro. Ritengo la negazione dell'Olocausto profondamente offensiva, e non volevo assolutamente difendere le persone che lo negano", chiarisce. Ma le parole di Zuckerberg, che arrivano una settimana dopo che Facebook ha confermato che t (un sito che diffonde teorie cospirazioniste) rimarrà sulla piattaforma, sono destinate a far discutere.

Nessun commento:

Posta un commento