lunedì 4 giugno 2018

Sindacati di base contro Gh Bologna

[Don't be afraid of opposition. Remember, a kite rises against ,not with, the wind. Non temere l'opposizione. ricorda,un aquilone si alza contro,non con,il vento. Hamilton Mabie] In data 16 marzo 2018 GH Bologna procedeva a disdettare l'accordo integrativo aziendale del 18/7/2008 e tutti gli Accordi Integrativi precedenti con effetto dal 30.06.2018. Durante gli incontri con l'azienda non c'è stata alcuna trattativa: la proposta di GH prevede un taglio di stipendio, che arriva a euro 3.500 lordi annui per oltre metà dipendenti e un misero aumento per altri, perché i 68 euro promessi diventano euro 34 per i part-time, ma solo se non si ammalano o assentano quasi mai. Eppure in pochi anni la produttività è aumentata enormemente e i numeri forniti dalla controparte ad oggi non sono stati supportati da bilanci o documenti ufficiali.  Altrettanto irremovibili sono stati i lavoratori: in 13 assemblee e diversi presidi hanno sempre espresso un netto rifiuto alle pretese aziendali, hanno chiesto formalmente un referendum vincolante e preventivo su qualsiasi ipotesi di accordo e raccolto la maggioranza delle firme per avviare il rinnovo delle RSU scadute da anni. Da subito i dipendenti di GH BOLOGNA  applicheranno alla lettera e rigorosamente i regolamenti e le procedure operative, in tutte le aree di lavoro, nei confronti dei clienti, passeggeri e vettori e nell'utilizzo di materiale e di mezzi in piazzale.   Il ricorso allo straordinario sarà garantito solo nel caso di evento imprevisto e imprevedibile ai sensi del codice civile, quindi non malattie, ferie o R.O.L., maternità, congedi parentali, legge 104, permessi sindacali, permessi per visite mediche. Gli eventi imprevisti e imprevedibili sono tassativamente: infortunio il giorno zero, disastro aereo sullo scalo, evento terroristico sullo scalo, calamità naturale, dirottamenti da altro scalo a loro volta da evento imprevisto e imprevedibile.

Nessun commento:

Posta un commento