venerdì 22 giugno 2018

Il Canada legalizza la marijuana

[I soldi sono come l'aria. Finché ce n'è non te ne accorgi. Anonimo] Il Parlamento canadese ha approvato la legge che legalizza la marijuana per uso ricreativo a livello nazionale: il Cannabis Act, riporta la Bbc online, è passato al Senato con 52 voti a favore e 29 contrari. I canadesi potranno acquistare e consumare legalmente la marijuana già da settembre. Si tratta del secondo Paese a livello mondiale dopo l'Uruguay a legalizzare la marijuana per uso ricreativo. "Non può essere esclusa la pericolosità della 'cannabis light'". E' quanto afferma il Consiglio superiore di Sanità (Css) in un parere richiesto dal ministero della Salute sul tema, in riferimento ai "prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa" - venduti nei cosiddetti 'canapa shop' diffusisi in tutta Italia - ma dei quali "non può essere esclusa la pericolosità". Il Css raccomanda quindi che non sia consentita la libera vendita. I prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa sono attualmente venduti nei 'canapa shop' come un prodotto da collezione, dunque non destinato al consumo. Il Css mette però in guardia rispetto ad un possibile uso di tali prodotti, avvertendo che "non può essere esclusa la pericolosità" della cosiddetta cannabis o marijuana light. per questo "raccomanda che siano attivate nell'interesse della salute individuale e pubblica misure atte a non consentire la libera vendita". La polizia ha chiuso a Macerata due negozi specializzati nella vendita di prodotti a base di cannabis (droghe light). Contestualmente, gli agenti della squadra mobile della città hanno indagato in stato di libertà per attività di spaccio di sostanze stupefacenti il titolare degli esercizi commerciali, eseguendo perquisizioni nei confronti degli stessi e dei dipendenti addetti alla vendita dei prodotti, nonché sequestrato sostanza stupefacente in queste sedi. L'attività, una delle prime, nei confronti dei cosiddetti "Grow Shop", informa la polizia, "è stata avviata sulla base della particolare proliferazione dei suddetti negozi nel Maceratese. La Mobile ha avviato riscontri per verificare l'eventuale pericolosità delle sostanze pubblicizzate e vendute e in particolare della marijuana light". Ha sequestrato la sostanza facendola analizzare dalla Scientifica di Macerata: era "vera e propria sostanza stupefacente", cioè "marijuana con principio attivo del 0,60%, idoneo a procurare effetti droganti.

Nessun commento:

Posta un commento