martedì 15 agosto 2017

KSM VIA I PRIMI 50

[L’amore fa più vittime dell’odio.]  Dopo mesi di trattative infruttuose con i sindacati, partono le procedure di licenziamento dei vigilantes Ksm. Già a febbraio l’azienda aveva comunicato 524 esuberi in tutta la Sicilia, e oggi ha annunciato di voler procedere all’allontanamento dei primi 50 dipendenti. La società di security dà la colpa alle liberalizzazioni imposte al settore, che avrebbero scatenato una gara a chi offre i prezzi più bassi tra le varie compagnie. Dal management di Ksm parlano di “scelta dolorosa”, fatta per garantire la sopravvivenza dell’impresa: «Ormai non ci sono altre strade da percorrere. Dobbiamo proseguire un percorso di risanamento duro e difficoltoso, che ci vede privare di uomini validi e professionalmente formati», ha detto il presidente, Giuseppe Fausto Milillo. La Ksm, colosso della vigilanza privata, ha inviato ai sindacati l'avvio delle procedure di licenziamento per 516 guardie giurate. Da quanto si legge nella comunicazione, sono 308 su Palermo, 87 a Messina, 21 a Trapani, 32 A Caltanissetta, 18 a Enna, 50 ad Agrigento le guardie giurate a rischio licenziamento.


Nessun commento:

Posta un commento