sabato 1 luglio 2017

Intervista al neo consigliere (m5s) Gelarda

"Lungo il percorso Unesco arabo normanno di via Maqueda, all’altezza del civico 149, un vecchio edificio abbandonato è diventato il luogo dove vanno a morire i senzatetto e si rifugiano i tossicodipendenti. Uno spettacolo triste e indecoroso sotto gli occhi, tra gli altri, dei tanti turisti che passeggiano nel centro storico. L’amministrazione comunale intervenga per salvaguardare l’immagine della città e per dare risposte concrete ai residenti esasperati”. Igor Gelarda, neo consigliere comunale del Movimento 5 Stelle (1.700 preferenze), denuncia lo stato di degrado in cui versa l’immobile a fianco dell'Archivio storico comunale, a pochi metri dalla chiesa di San Nicolò da Tolentino. “La ristrutturazione dell’immobile sarebbe dovuta terminare nel gennaio del 2012 – spiega Gelarda - ma a distanza di più di cinque anni i lavori non sono stati mai completati e non si hanno notizie sul cantiere. L’anno scorso, all'interno del palazzo fu trovato uno straniero senza vita. Negli ultimi mesi, inoltre, altri clochard e tossicodipendenti si sono rifugiati al piano terra della struttura. Ma in realtà – conclude Gelarda - nella zona del centro storico sono numerosi gli edifici di fatto abbandonati che spesso diventano rifugio di gente di malaffare, da vicolo dello Zingaro a piazza della Vergogna”. Una finestra sulla Palermo che fu è il blog di Igor Gelarda appassionato di storia.  Molti aspetti di Palermo non sono comprensibili per chi non è palermitano. Ma spesso anche agli occhi dei palermitani la città ha dei lati oscuri ed inspiegabili. Eppure secondo Igor Gelarda, laureato in Lettere Moderne con un Dottorato di Ricerca in Storia della Sicilia e del Mediterraneo antico, c'è una chiave di lettura per (quasi) tutto: la millenaria storia della città, con le sue grandezze, le sue miserie e le sue numerose contraddizioni. Abbiamo incontrato Gelarda, ecco quello che ci ha detto.  Il tre ottobre inizia il processo contro esponenti del m5s. Quanto secondo Lei ha condizionato l'elettorato la vicenda delle firme false?  Sicuramente ci ha disturbato (dato fastidio) , anche se il m5s ha dimostrato di avere gli adeguati anticorpi per potere risolvere i problemi che gli si pongono (di tanto in tanto) davanti. Io ritengo che una (la) malattia, per usare una metafora è una cosa normale, l'importante è farsi curare bene. La gente ritengo che abbia apprezzato la nostre contromisure in linea con i nostri principi.  Sia Grillo che Di Maio hanno detto che il movimento è cresciuto in questa tornata elettorale. Anche se sono mancati i Sindaci? Noi sappiamo che le amministrative hanno un andamento particolarissimo. Le faccio un esempio pratico nel mio palazzo c'erano 4 candidati, nella mia strada sette/otto. Le amministrative sono "falsate" dall'elevatissimo numero dei candidati. Credo, come ha scritto Grillo, che se il movimento va avanti, restando unito, i risultati arriveranno. La nostra forza si chiama onda lunga, la costante crescita mi sembra evidente.  A Trapani si sfidavano uno agli arresti domiciliari e l'altro che probabilmente é socialmente pericoloso. Il vostro candidato non è arrivato nemmeno al ballottaggio. Che analisi possiamo fare del voto a Trapani? Proprio a Trapani bisogna lavorare tanto in mezzo alla gente perché la situazione politica è particolarmente complessa, i frutti arriveranno anche a Trapani, dove tutto è apparso paradossale nelle settimane precedenti al voto.  A Palermo se c'era Lei come candidato a sindaco si poteva fare meglio? Non credo che avremmo avuto risultati diversi, Forello ha portato avanti la campagna elettorale in maniera egregia, cercando di valorizzare tutte le potenzialità e le risorse disponibili. Nessuno di noi aveva delle esperienze politiche e  ritengo che abbiamo ottenuto un buon risultato.  Non crede che il vostro limite è, appunto, l'inesperienza? Possiamo dire al contrario che la poca esperienza è la nostra forza. La gente è stanca di politici navigati che poi non rispettano i patti con gli elettori. Tuttavia Noi  non siamo riusciti a convincere i tanti palermitani che non hanno votato, perché sfiduciati, a ritornare a votare. Abbiamo avuto poco tempo, sostanzialmente solo quello della campagna elettorale perché il gruppo si è creato da poco, per convincere i palermitani a ritornare a votare, purtroppo questo è stato un limite.  Il vostro rapporto con i giornalisti è spesso conflittuale, forse perché non amate le critiche? Se avessi un rapporto conflittuale con i giornalisti non starei a parlare con lei. Registriamo continuamente attacchi strumentali da parte di certa stampa, ma  esistono, per fortuna,  giornalisti professionalmente corretti, che non si fanno influenzare dagli editori.  Con questi giornalisti liberi non abbiamo problemi.  Come giudica la battuta del papà del commissario Montalbano che invita i giovani a lasciare perdere Renzi e il m5s perché ormai appartengono al passato.  Camilleri ha attraversato, con la sua veneranda età, un arco della storia italiana non breve. Comunque, dall'alto della sua cultura e  della sua intelligenza, ritengo che ha avuto difficoltà a comprendere il m5s che è completamente slegato dai vecchi sistemi di fare politica. Camilleri in tutti questi anni ha avuto come inevitabili riferimenti politici quello che per noi appartiene al passato.  Cosa c'è dietro la Casaleggio associati?  Ci sono stato alla Casaleggio associati, due anni e mezzo fa, ho visto alcuni impiegati, penso 6 o 7  che lavoravano tranquillamente, non ritengo che ci siano segreti occulti da scoprire. Spesso sulla Casaleggio associati registriamo attacchi gratuiti da parte della stampa. Ho avuto più di un occasione di parlare con Gianroberto Casaleggio e mi è sembrata una persona ispirata da principi nobili. 

Nessun commento:

Posta un commento