giovedì 27 luglio 2017

Grillo e Nero D'Avola solo Doc

[Hai bon tempu s’ ‘un ti lu jochi. Hai buon tempo se non te lo giochi. Detto siciliano] Arriva il via libera definitivo alla modifica del disciplinare della Igt "Terre Siciliane" che esclude la possibilità, dalla vendemmia 2017, di produrre ed etichettare vini Igt Grillo e Igt Nero D'Avola, varietà che troveremo esclusivamente in bottiglie a Denominazione di origine controllata (Doc). Sul sito del ministero delle Politiche Agricole è stato pubblicato il provvedimento che completa l'iter di approvazione della modifica richiesta da circa 3.000 viticoltori della Igt "Terre Siciliane", riunitisi in associazione e appartenenti a più di 15 cantine cooperative e a piccole e grandi aziende del mondo vinicolo siciliano. Il ministero delle Politiche Agricole ha anche approvato il provvedimento di modifica del disciplinare del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia, che sarà la principale Denominazione che accoglierà sotto il proprio marchio i vini Grillo e Nero D'Avola. Un testo unico  sul vino si taglia del 50% il tempo dedicato alla burocrazia, difatti ad oggi sono 100 le giornate di lavoro che ogni impresa vitivinicola è costretta a 'sacrificare' per soddisfare le 4mila pagine di normativa che regolamentano il settore. Il Testo Unico oltre a semplificare comunicazioni e adempimenti a carico dei produttori, rivede il sistema di certificazione e controllo dei vini a denominazione di origine ed indicazione geografica con contenimento dei costi, riforma inoltre il sistema sanzionatorio e introduce sistemi di tracciabilità anche per i vini a IGT e norme per garantire trasparenza sulle importazioni dall'estero.  

Nessun commento:

Posta un commento