mercoledì 12 luglio 2017

Alitalia di male in peggio

[Le conseguenze della collera sono molto più gravi delle sue cause. Marco Aurelio] Alla fine di febbraio 2017 Alitalia aveva accumulato perdite per 203,3 milioni di euro, con un totale di passività pari ad oltre 3,5 miliardi (2,3 miliardi di passività correnti, che Alitalia contava di rimborsare entro la fine dell'anno, e 1,2 miliardi di passività non correnti). È quanto si evince dalla situazione contabile consolidata al 28 febbraio pubblicata nella domanda di ammissione all'Amministrazione straordinaria, pubblicata sul sito della compagnia. Il valore delle perdite dei primi due mesi dell'anno equivale a poco meno della metà di quando accumulato nell'intero 2016 (491 milioni). Tuttavia va considerata la stagionalità del dato, a partire dal fatto che gennaio e febbraio sono tradizionalmente mesi di scarso afflusso turistico. A fine febbraio il patrimonio netto risultava negativo per 87 milioni di euro. Nei primi due mesi dell'anno l'Alitalia ha messo insieme una perdita di poco superiore ai 200 milioni di euro.  Ma le voci di costo per il carburante, i servizi, il personale e le svalutazioni hanno portato nettamente in rosso i conti e confermato le difficoltà  a far quadrare i conti emerse nei mesi scorsi. Alitalia, al momento, ha congelato le fatture pregresse. Si parla che solo a Gh Italia dovrebbe dare sei milioni di euro. La compagnia - che è ora affidata alle cure dei tre commissari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari - ha incassato un prestito ponte dallo Stato del valore di 600 milioni, che i commissari (che hanno attivato altre azioni di contenimento dei costi) sperano sia sufficiente per arrivare a coprire l’intero 2017.  Ma la cruda realtà dei numeri di inizio anno dice quanto l'impresa sia complicata. Quanto agli aspetti commerciali, Alitalia ha trasportato nei primi 2 mesi dell'anno 2,9 milioni di passeggeri a fronte di 4,2 milioni di posti offerti, in flessione del 2,5% rispetto ai primi due mesi del 2016.  Alitalia Sai in amministrazione straordinaria comunica che al fine di dare piena trasparenza alle circostanze che hanno condotto alla richiesta di amministrazione straordinaria da parte dell'azienda, acquisito l'orientamento favorevole del ministero dello Sviluppo economico, ha reso pubblica sui siti corporate.alitalia.it e www.amministrazionestraordinariaalitaliasai.com la domanda di ammissione alla procedura predisposta dalla società ante ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria, con la relativa situazione economica e patrimoniale pro-forma, nella prospettiva della continuità, riferita al 28 febbraio 2017, e con indicazione anche dei risultati economico, patrimoniali e finanziari pro-forma al 31 dicembre 2016, anch'essa predisposta ante ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria.

Nessun commento:

Posta un commento