domenica 23 luglio 2017

25 boss di Hamas arrestati

[Lu ferru s’ardi, e nun pari d’arrassu. Il ferro s’arroventa, eppure non sembra da lontano. Frase siciliana] Nella notte, in Cisgiordania, blitz dell'esercito israeliano. Sono stati arrestati 25 alti esponenti di Hamas, nel contesto di misure straordinarie adottate dopo le violenze degli ultimi giorni. Fra gli arrestati, secondo fonti palestinesi, figurano un deputato e 5 miliziani di Hamas liberati anni fa da Israele nel contesto di uno scambio di prigionieri. Ieri il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha telefonato alla famiglia al-Abed di Kobar (Cisgiordania) per congratularsi con l'attentato condotto dal figlio che ha pugnalato a morte 3 civili israeliani ad Halamish.  "Sarà demolita al più presto la casa dello spregevole assassino" che venerdì ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro abitazione di Halamish, un insediamento ebraico in Cisgiordania. Lo ha anticipato oggi al governo israeliano il premier Benyamin Netanyahu. "Yosef, Haya ed Elad Solomon - ha aggiunto - sono stati uccisi da una belva umana, aizzata da odiatori di ebrei". I loro funerali sono in programma oggi. Il premier Benyamin Netanyahu ha convocato per oggi il gabinetto di difesa del governo israeliano per esaminare la situazione creatasi a Gerusalemme dopo la installazione di metal detector agli accessi della Spianata delle Moschee. Lo riferiscono i media locali secondo cui fino al termine della seduta - che dovrebbe iniziare in serata - i varchi elettronici non dovrebbero essere rimossi. In una intervista alla radio militare il ministro della sicurezza interna Ghilad Erdan ha detto che vengono presi in esame anche altri sistemi di sicurezza, ma almeno per ora la polizia ritiene che i metal detector diano la maggiore affidabilità. La scorsa notte, alla Porta dei Leoni della Città Vecchia sono anche state installate telecamere di sorveglianza. Tutto ciò non cambia però la posizione dei palestinesi secondo cui la calma potrà tornare solo quando ai fedeli islamici sarà garantito l'ingresso nella Spianata delle Moschee senza alcun controllo.  Bulldozer israeliani hanno demolito in Cisgiordania un monumento eretto in memoria di un palestinese autore di un attacco anti-israeliano, provocando dei disordini in cui sei palestinesi sono rimasti feriti. Lo ha reso noto l'esercito israeliano e un responsabile locale. Un memoriale per Khaled Nazzal, combattente palestinese che orchestrò un attacco in cui morirono 26 israeliani - di cui la maggioranza bambini - nel 1974, è stato eretto di recente dal comune di Jenin. Israele aveva chiesto il ritiro del memoriale. Oggi prima dell'alba ruspe e soldati sono entrati in questa città situata nel Nord della Cisgiordania. "Le nostre forze hanno abbattuto un monumento eretto in memoria del terrorista Khaled Nazzal", ha dichiarato una portavoce di Tsahal. Scontri sono scoppiati poco dopo nei quali sei persone sono rimaste ferite, ha detto all'Afp Mohammed Abu Ghali, capo della municipalità di Jenin. Un giovane si troverebbe in condizioni gravi dopo essere stato colpito al petto. Numerosi palestinesi considerano Nazzal e altri combattenti eroi della lotta contro l'occupazione israeliana mentre gli israeliani al contrario li considerano dei "terroristi".

Nessun commento:

Posta un commento