sabato 15 aprile 2017

LA CACCA IN MOSTRA

[Renzi: “I nostri nonni hanno sconfitto nazismo e fascismo, i nostri padri brigate rosse e terrorismo”. Noi il gol fantasma. spinoza.it]  La mostra trae origine dall’omonimo libro della zoologa inglese Nicola Davies ed ha l’obiettivo di far conoscere, in maniera divertente, la naturalità di questo materiale da molteplici punti di vista, a partire da quello fisiologico per arrivare a quello naturalistico ed ecologico, con un filo conduttore (fino al 30 giugno): la cacca è vita, ovvero, senza la cacca degli animali non ci sarebbe terra fertile e quindi non ci sarebbero gli alberi, l’ossigeno, il cibo… non ci sarebbe la vita! Pannelli che riproducono le pagine più rappresentative del libro, aree interattive, modelli realistici fra cui due dinosauri con escrementi fossili rendono la mostra interattiva e coinvolgente per tutti. E poi la cacca machine, una macchina didattica con la quale i bambini si divertiranno a “produrre” cacche differenti a seconda del cibo digerito. Il percorso interno si suddivide in diverse sezioni fra cui: Dimmi come la fai e ti dirò chi sei. La sezione mette in evidenza che esiste una correlazione tra ciò che si mangia e ciò che… si fa. Quali sono le differenze tra erbivori e carnivori? Quale tipo di regime alimentare permette di sfruttare meglio le fonti di cibo? Perché si fa la cacca?  Gli escrementi hanno un ruolo fondamentale anche nel linguaggio degli animali: gli animali la usano per delimitare il territorio, per comunicare la propria disponibilità sessuale o per segnalare la propria presenza. Attraverso pannelli esplicativi e sagome a grandezza naturale di alcune specie animali come lontra, tasso, impala e ippopotamo e relative “cacche”, si potrà capire come in natura le feci possano costituire una forma di comunicazione. Chi l’ha fatta questa? Le cacche non sono tutte uguali! In questa sezione vengono prese in considerazione le tre principali caratteristiche della cacca: il colore, la consistenza, mostrata tramite modelli di cacche da poter toccare e l’odore. La cacca del passato.  Due modelli tridimensionali di dinosauro (un erbivoro e un carnivoro) e alcuni coproliti, ovvero escrementi fossili permetteranno di conoscere più da vicino questi affascinanti animali…
 

Nessun commento:

Posta un commento