mercoledì 22 marzo 2017

Tratte sociali alla Mistral Air

[Omicidio stradale, 18 anni di carcere a chi fugge. A questo punto conviene sparare ai testimoni. spinosa.it] Quest’estate non sarà più Alitalia a coprire le tratte per le isole minori siciliane. Mistral Air, la società aerea di Poste Italiane, si è infatti aggiudicata la gara per l’esercizio dei collegamenti aerei onerati da Pantelleria per Trapani e Palermo, e da Lampedusa per Palermo e Catania per il periodo che va dal 1 luglio al 30 giugno 2018. Considerato che la convenzione sottoscritta con l’Alitalia il 26 giugno 2014 giungerà alla sua naturale scadenza in data 30 giugno 2017, l’Enac ha invitato la società a interrompere la commercializzazione dei biglietti per le tratte in questione per i voli a decorrere da luglio e a pubblicizzare immediatamente sul proprio sito web le procedure che i passeggeri dovranno seguire per ricevere il completo rimborso dei biglietti già emessi o per essere eventualmente riprotetti su voli Mistral.


1 commento:

  1. Mistral Air, a seguito dell’aggiudicazione del bando, ha presentato alla presenza del governatore della Regione Luciano D’Alfonso, e ai vertici della Saga spa i collegamenti da/per l’aeroporto internazionale d’Abruzzo nella stagione Summer Iata 2017. L’offerta per questa estate del vettore si presenta piuttosto ampia e prevede collegamenti per 5 destinazioni: Cagliari, Catania, Olbia, Palermo e i Balcani con Tirana. Mistral Air collega Cagliari due volte la settimana nel mese di giugno e 3 volte dal mese di luglio; voli bisettimanali per Catania, Olbia e Palermo e 4 voli alla settimana per Tirana. I collegamenti saranno operati con aeromobili ATR 72-500 da 68 posti della flotta di Mistral Air. Si consolidano così i rapporti tra l’aeroporto e la compagnia aerea che è “atterrata” a Pescara l’anno scorso e che rilancia l’offerta con queste cinque destinazioni, rafforzando la relazione storica tra Mistral Air e la Regione Abruzzo. Il network di Mistral Air per l’estate 2017 prevede 50 rotte operate da 17 aeroporti italiani.

    RispondiElimina