domenica 12 marzo 2017

Ingroia indagato

[Ciò che determina il fato di un uomo è l'opinione che egli ha di se stesso. Herry Thoreau] L'ex pm di Palermo Antonio Ingroia è indagato per peculato. L'ex magistrato, ora amministratore della società regionale Sicilia e servizi, è stato interrogato. Secondo l'accusa avrebbe percepito, indebitamente, una serie di rimborsi per trasferte, proprio nella qualità di amministratore della società regionale. Sotto inchiesta, inoltre, è finita anche l'indennità di risultato che Ingroia si è liquidato. La Procura sull'indagine mantiene il più stretto riserbo.  L'indagine, coordinata dall'aggiunto Dino Petralia e dai pm Piero Padova ed Enrico Bologna, prende in esame il periodo compreso tra il 2014 e il 2016. Secondo gli inquirenti Ingroia avrebbe intascato rimborsi per trasferte per 30 mila euro comprensivi dei trasporti e delle spese di vitto e alloggio, nonostante fossero rimborsabili solo i soldi spesi per il viaggio. L'ex magistrato, assistito dall'avvocato Mario Serio, si è difeso sostenendo che i rimborsi comprendono non solo il trasporto, ma anche le altre spese di viaggio. Con un post pubblicato sul suo profilo Facebook e sul suo sito internet, Antonio Ingroia spiega di voler "sgomberare il campo da falsità e inesattezze da quando si è diffusa la notizia dell'indagine della procura di Palermo sui rimborsi spese e indennità ricevuti come amministratore unico della società regionale Sicilia e-Servizi.  "Tra tante inesattezze e omissioni, non sono mancate anche alcune vere e proprie falsità diffamatorie, per le quali - scrive - agirò per vie legali. Ribadisco che le cifre pubblicate da alcuni organi di informazione non corrispondono al vero". "E' falso e diffamatorio - aggiunge l'ex Pm - sostenere che io mi sarei 'regalato' per due volte 'una maxi-indennità di risultato' da 117 mila euro. Quelle indennità (tutt'altro che maxi, perché lorde, vanno considerate in misura ben inferiore alla metà del totale) mi spettavano per legge e mi sono state riconosciute dall'assemblea dei soci per i risparmi che la mia gestione ha fatto conseguire alla Regione siciliana".

Nessun commento:

Posta un commento