domenica 26 febbraio 2017

Intervista a Rizzo,assessore del comune di Palermo

Gianfranco Rizzo, docente presso Unipa, è assessore con deleghe all’Innovazione, all’Energia, alla Comunicazione, ai Fondi Europei e alle Sport, nonché sulle partecipate Sispi e Amg Energia, prendendo così il posto del dimissionario Francesco Raimondo. Rizzo, pugliese, laureato in ingegneria elettronica, dal 1994 è ordinario all’Università degli Studi di Palermo in materia di risorse energetiche ed è anche Energy Manager dell’Ateneo. n"Non so se sarò all’altezza ma ce la metterò tutta", ha detto Rizzo ai giornalisti, affermando che "sicuramente c’è un terreno favorevole per poter lavorare. Il tempo non è tanto ma sono convinto che si potrà fare molto, soprattutto attraverso i fondi europei". Il docente di Unipa, infine, è stato anche coordinatore del settore civile del Piano energetico ambientale della Regione Siciliana. L'amministrazione comunale in questi anni ha speso tutti i fondi stanziati dall'UE? L'Ufficio Fondi Extracomunali è incardinato nell'Area Amministrativa della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture, con il compito specifico di contribuire ad accrescere la capacità del Comune di sfruttare le fonti di finanziamento extracomunali. In questo senso, esso si occupa, oltre che dei fondi UE in senso stretto, anche dei fondi che pervengono all’Amministrazione da altre fonti. Quest’ultimo aspetto è particolarmente rilevante in questo specifico periodo. Infatti, come è noto, l’Amministrazione comunale di Palermo, grazie ad un favorevole panorama nazionale ed europeo, ma anche in virtù di una fortemente accresciuta capacità progettuale, è riuscita ad acquisire una ingente mole di finanziamenti da più fronti: il Pon Metro, l’Agenda Urbana, il Patto per il Sud, il Pon Metro Complementare, la riqualificazione delle periferie. Grazie a questi strumenti, sarà possibile attuare una politica di sviluppo e di crescita che punterà a costruire la città inclusiva e digitale che è nelle mire politiche di questa amministrazione e del Sindaco Leoluca Orlando. Ci stiamo già da tempo adoperando sul fronte della estensione della banda larga comunale e cittadina, della videosorveglianza, dell’estensione del Wi-Fi libero in città, dell’efficienza energetica degli edifici comunali, della mobilità sostenibile, delle politiche sociali di inclusione e di lotta alla marginalità, dello sviluppo dell’imprenditoria giovanile sui temi dell’innovazione, sull’ampio fronte dell’offerta culturale di qualità, della vivibilità e del verde urbano. Si tratta di azioni che stanno già modificando profondamente il tessuto sociale ed urbano, rendendo più vicina ai cittadini l’Amministrazione e ricucendo il gap fra centro e periferie. Gli stessi riconoscimenti conseguiti da Palermo in questo ultimo periodo (Capitale dei Giovani 2017, Capitale della Cultura 2018, sede della mostra internazionale Manifesta, premio CRESCO come città con il miglior progetto Smart) ne testimoniano il percorso virtuoso. Quanto ai fondi europei strettamente intesi, il Comune è impegnato su un elevato numero di progetti sui temi della cittadinanza sociale, dell’Innovazione, della Partecipazione e Decentramento, della scuola, della pianificazione del territorio, rispetto ai quali tutti i fondi acquisiti sono stati spesi o si stanno spendendo. Qual è lo stato di salute di Amg e Sispi? La loro produttività è alta? Dopo i recenti noti interventi dell’Amministrazione sulle Partecipate, si può affermare che lo “stato di salute” sia di Sispi che di AMG è molto buono. Entrambe viaggiano su livelli elevati di produttività ed efficienza, come testimoniato peraltro dai loro bilanci. Quanto a Sispi, il bilancio consuntivo per il 2016, in prima stima, raggiunge un risultato positivo e migliore del preventivo ipotizzato; inoltre il budget di previsione per il 2017, appena approvato dalla Giunta Comunale, prevede un risultato in linea con gli anni precedenti, con costi sotto controllo, costi del personale contenuti, in presenza anche di un aumento dei ricavi grazie a nuove commesse e nuove attività legate al profondo bacino di interventi del Comune sui temi dell’innovazione, della digitalizzazione, del contrasto all'evasione e dell’implementazione del sistema online PagoPA. Nel percorso che vede il Comune impegnato nella implementazione dell’agenda digitale, il ruolo di Sispi appare fondamentale, anche in relazione alla gestione dell’anello telematico, del quale sono stati accesi di recente diversi nodi che connettono in banda larga molti uffici comunali. Anche per Amg Energia Spa, il pre-consuntivo 2016 manifesta un risultato positivo in miglioramento rispetto alle previsioni ed il Budget 2017, pur redatto con criteri di prudenza, manifesta un utile di esercizio per quanto contenuto. Come è noto, dalla distribuzione del gas metano rinviene circa il 73% del fatturato nei confronti dei privati: su questa filiera la Società ha sviluppato un significativo programma di investimenti per il graduale adeguamento del parco contatori alle più moderne tecnologie che consentiranno la lettura dei consumi a distanza. Anche per quanto concerne la Pubblica Illuminazione e l’Energia, è noto il ruolo della Società di supporto strategico per il Comune di Palermo per tutto quanto concerne la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti, in vista del costante adeguamento delle infrastrutture comunali alle normative di riferimento. Peraltro, è in atto un intervento di riqualificazione della sede storica dell’Azienda che prevede la ristrutturazione di un immobile esistente nel perimetro dell’area di via Tiro a Segno, con l’applicazione di tecniche di avanguardia nel campo del risparmio energetico, da destinare a uffici in sostituzione di locali condotti attualmente in locazione, con evidenti economie gestionali. Occorre comunque registrare una possibile criticità in prospettiva che riguarda i pensionamenti del personale, particolarmente sul lato tecnico: tendenzialmente, questo trend rischia di limitare l’azione della partecipata sul tema degli impianti energetici. Quale futuro per Palermo Energia, unica azienda partecipata dall'ex Provincia? Nel 2000 è stata costituita la Società mista pubblico/privato “PALERMO ENERGIA S.p.A.” con sede legale presso la Provincia Regionale di Palermo. La Società ha per oggetto sociale le attività relative al risparmio energetico, al controllo e verifica degli impianti termici nonché all’accertamento delle violazioni. Nel mese di marzo 2007, la Società si è trasformata a totale partecipazione pubblica, con socio unico azionista la Provincia Regionale di Palermo che esercita pertanto un controllo totale delle determinazioni aziendali inclusi il coordinamento generale della Società e la direzione. Questo importante rinnovamento ha consentito alla Società di configurarsi quale “Organ House” dell’Ente Locale, per l’erogazione dei servizi strumentali di supporto alle attività della Città Metropolitana di Palermo. Attualmente consta di 150 dipendenti e per il 2017 ha in programma di svolgere i seguenti servizi per la  Città Metropolitana di Palermo: Certificazione APE (attestazione di prestazione energetica) dei beni  immobili di proprietà della Città Metropolitana di Palermo; gestione manutenzione degli impianti fotovoltaici; servizi tecnico – informatici a supporto della Tosap (tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche); verifica impianti termici; pulizia delle strade della Città Metropolitana di Palermo.  Anche l’’evoluzione futura della società va vista con un consolidamento dell’impegno sulle tematiche energetiche la cui competenza ricade sulla Città Metropolitana di Palermo, non trascurando le attività per la conservazione e la manutenzione del patrimonio immobiliare e viario della Città Metropolitana di Palermo.

Nessun commento:

Posta un commento