lunedì 23 gennaio 2017

In Canada c'è lavoro

[Ci si accorge delle cose, ponendole sotto la lente della contenplazione, quando esse svaniscono, vanno in rovina, iniziano a comportarsi stranamente o ti deludono in qualche altro modo. ZYGMUNT BAUMAN ] Il lavoro offerto è a Whycocomagh, un piccolo villaggio rurale che conta all’incirca 900 abitanti sull’Isola del Capo Bretone, nella Nuova Scozia. Nel villaggio ci sono alcune stazioni di servizio, alcuni piccoli locali e ristoranti, la drogheria e la scuola elementare. L’isola offre molto in termini di possibilità lavorative, ma scarseggia di personale, al punto che Heather e Sandee, figlie di un contadino proprietario del negozio ‘The Farmer’s Daughter Country‘, hanno lanciato un appello su Internet che ha suscitato molto interesse. In cerca di dipendenti, l’appello delle ragazze garantiva “Un’occupazione e alcuni acri di terra da lavorare a persone disposte a trasferirsi per almeno 5 anni, persone che amano una vita semplice, a contatto con la natura. Non possiamo pagare molto, ma offriamo una bella vita”. L’annuncio ha ricevuto oltre 3500 risposte, che si sono trasformate in tre posti di lavoro fissi. A breve avranno bisogno di altro personale. Chi lo desidera può contattarle su Fb. Non dovete temere di annoiarvi: sull’isola ci sono tantissime cose da fare. Per esempio si può percorrere la Cabot Trail, una delle strade panoramiche più belle del mondo, che attraversa il Cape Breton Island National Park e da cui partono numerosi sentieri da fare a piedi. Si possono praticare  attività d’acqua come il kayak, la pesca, la barca o anche solo andare in spiaggia in riva al mare o sui laghi canadesi. Si possono incontrare le comunità di indiani d’America che vivono ancora sull’isola e visitare l’antica fortezza di Louisbourg, costruita dai francesi nel 1700. Non ci si annoia di certo, insomma. Cape Breton è anche balzata di recente alle cronache per essere stato il luogo che, in modo provocatorio, ha invitato tutti gli americani “in fuga da Donald Trump” a trasferirsi lì.

Nessun commento:

Posta un commento