giovedì 26 gennaio 2017

Il muro di Trump

[Si ripaga male un maestro, se si rimane sempre scolari. F. Nietzsche] Il muro che Donald Trump ha ordinato di costruire al confine col Messico costerà tra i 12 e i 15 miliardi di dollari: lo ha detto a Filadelfia lo speaker della Camera, Paul Ryan, prevedendo che il Congresso approvi i fondi per entro la fine dell'anno fiscale, a settembre. Quello che non è chiaro a Trump e che i tunnel (usati dai narcotrafficanti) restano per il transito anche dei clandestini, la costruzione del muro è solo un fatto mediatico. "Se il Messico non è disposto a pagare per il muro di cui c'è disperato bisogno, allora sarebbe meglio cancellare l'incontro". Lo ha scritto in un tweet il presidente degli Stati Uniti Donald Trump con riferimento alla visita a Washington la prossima settimana del presidente messicano Enrique Pena Nieto. Il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, non ha annullato il suo incontro con Donald Trump, previsto per martedì prossimo a Washington, dopo la decisione americana di costruire un muro tra i due paesi. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Luis Videgaray. "La riunione di lavoro fra i due presidenti a Washington è confermata. Voglio che sia chiaro: la riunione per ora è ancora in piedi", ha detto il capo della diplomazia messicana in un'intervista televisiva.

1 commento:

  1. La possibilità che il Messico paghi per il muro anti-migranti voluto dal neopresidente Usa Donald Trump “non è negoziabile”. L’ha ribadito il ministro degli Esteri del paese centro-americano Luis Videgaray, dopo che ieri Trump ha ventilato l’imposizione di dazi al 20 per cento sull’import messicano per finanziare la barriera. “Ci sono cose che non sono negoziabili, cose che non possono e non saranno negoziate. Il fatto che viene detto che il Messico dovrebbe pagare per il muro è qualcosa che semplicemente non è negoziabile”, ha sostenuto Videgaray durante una conferenza stampa presso l’Ambasciata messicana a Washington.

    RispondiElimina