lunedì 23 gennaio 2017

Boeri ancora contro il governo

[E mogge di maiae no son né vidue né maiae Le mogli dei marinai non sono né vedove né maritate] “Questa è una manovra che fa aumentare in modo non irrilevante il debito pensionistico implicito e ogni manovra che lo fa scarica oneri sulle generazioni future”. Lo ha detto il presidente dell’Inps, Tito Boeri, a proposito degli interventi in materia pensionistica previsti dalla legge di bilancio. “Il debito pensionistico implicito – ha spiegato – è l’insieme degli impegni presi dallo Stato nei confronti degli attuali contribuenti, degli attuali pensionati e anche dei contribuenti futuri. Se si dice quindi che il debito implicito è qualcosa che non ha valore si sta implicitamente dicendo che in futuro si taglieranno le pensioni”. Secondo Boeri, intervenuto a Tuttopensioni 2017 del Sole 24 Ore, la manovra “va ad aumentare la spesa pensionistica aumentando la generosità di trattamenti a categorie che hanno già fruito di trattamenti più vantaggiosi in passato rispetto a chi li fruirà in futuro, parlo in particolare del metodo retributivo”. Il riferimento, ha sottolineato, è in particolare alla misura “più corposa”, quella che prevede la 14ma per le pensioni meno alte, sulla quale ha ribadito che andrebbe considerato l’Isee famigliare. L’economista si è invece detto favorevole al prolungamento dell’Ape sociale anche oltre al 2018.   Conoscere l'entità del debito implicito in ogni riforma del sistema pensionistico è fondamentale per l'equità intergenerazionale, ha più volte ribadito il presidente dell'Inps. "Se avessimo avuto calcoli del debito implicito negli anno '60, '70 e '80 le 'baby pensioni' non sarebbero state introdotte perché ci si sarebbe resi conto degli oneri pesantissimi che introducevano". Le nuove possibilità offerte dal sistema pensionistico, come l'Ape sociale e l'Ape volontaria, genereranno una grande domanda di informazione e l'Inps per rispondervi deve avere nuovo personale. Ha spiegato Boeri. "Dopo tanti anni in cui erano state inasprite le condizioni anagrafiche e contributive per andare in pensione, c'è una parziale liberalizzazione, molto selettiva però che spingerà molte persone a chiedere maggiori informazioni. Noi siamo impegnati come Inps a fare una campagna di informazione a vasto raggio. Chiediamo al parlamento e al governo di aiutarci in questa operazione dandoci la flessibilità di assumere. L'Inps sta perdendo circa 100 dipendenti ogni mese. Abbiamo bisogno per poter essere presenti sul territorio, per andare incontro alle richieste e alla domande dei pensionandi, di rafforzare la nostra presenza". In arrivo 150 mila buste arancioni su Ape - Un kit informativo pubblicato sul sito istituzionale e 150mila buste arancioni integrate con le informazioni sulle innovazioni pensionistiche, dirette soprattutto alla platea interessata all'Ape sociale, l'anticipo pensionistico. 

3 commenti:

  1. L'Ape volontaria è "più costosa" della "correzione attuariale che avevamo proposto" che "era molto più bassa ed era neutrale in qualche modo". Dunque questa misura tenderà "a selezionare le persone che magari hanno una speranza di vita più breve, magari per problemi di salute". Lo ha detto il presidente dell'Inps, Tito Boeri, a margine di un convegno sulle pensioni all'Università la Sapienza di Roma. Alla domanda se ci sia il rischio di un flop dell'Ape volontaria, Boeri si è limitato a rispondere che "bisogna vedere come si chiudono gli accordi con le banche e le assicurazioni, quale sarà il costo effettivo. Noi siamo per valutare le politiche una volta che hanno i loro effetti, mi auguro che dia una possibilità , un'opportunità in più per molti lavoratori e tale va giudicata. Ogni volta che si dà una libertà di scelta ai lavoratori è una cosa importante, ci sarà chi ne beneficierà, vedremo". "In ogni caso - ha concluso - avremo una forte domanda di certificazione e informazione e ci stiamo attrezzando per essere pronti. L'ape volontaria richiede un cambiamento profondo perché è uno strumento molto diverso da tutti gli altri strumenti che abbiamo gestito fino qui. Noi diventeremo un centro di un'architettura che ha come assi portanti le banche e le assicurazioni e le imprese stesse. Dovremo andare molto al di là della nostra natura".

    RispondiElimina
  2. Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, si rivolge al segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, suggerendole di “evitare di personalizzare” perchè nel Paese “abbiamo problemi serissimi”. A margine della presentazione della firma di un protocollo d’intesa per la tutela della disabilità dei minori, Boeri ha sottolineato che personalizzare “è desolante. Eviterei le personalizzazioni, io non lo faccio. Piuttosto, parliamo di contenuti e dei problemi di tutti”. Ieri, Camusso aveva detto che per Boeri tutto ciò che non fa lui non va bene e che questo è un po’ insopportabile.

    RispondiElimina
  3. Nel confronto politico sulle pensioni si sentono molte "promesse da marinaio". Lo dice il presidente dell'Inps, Tito Boeri, a proposito del fatto che nel nostro paese c'è una bassa consapevolezza sul fronte previdenziale. "Si fanno promesse - dice - sull'andare in pensione prima senza riduzione degli importi oppure di andare con pensioni più alte. Sono promesse insostenibili". "Queste - avverte - si basano sul fatto che molte persone possono non capire che si tratta di promesse da marinaio''. "Molti italiani negli anni 60-70 - ha spiegato Boeri a proposito della scarsa consapevolezza previdenziale - non sapevano che le 'baby pensioni' del pubblico e le pensioni d'anzianità del privato sarebbero poi gravate sulle generazioni future. Tuttora molti pensano che l'Inps abbia risorse che può gestire liberamente per rendere il sistema più generoso". Una maggiore consapevolezza su come funziona il sistema   previdenziale e sul fatto che i contributi non sono una tassa ma una sorta di risparmio forzoso che ti consentiranno di avere una pensione in futuro - ha spiegato - è essenziale. E su questo punta la campagna "La mia pensione futura", dare la possibilità alle persone di calcolare quale sarà il proprio assegno in determinate condizioni in modo da poter scegliere consapevolmente come comportarsi.

    RispondiElimina