mercoledì 2 dicembre 2015

Ecco chi sono i capi del Califfato

[In forma su stampu su babballotti. Conforme il buco l’insetto.  Dicesi di uno che si adatta con altri.]Chi sono i capi del Califfato Islamico nel mondo? Secondo fonti occidentali citate dal New York Times, sono almeno 8 gli Stati dove lo Stato Islamico (Isis) ha messo su una propria organizzazione lasciando alla loro guida "emiri" locali ad eccezione della Libia dove il gruppo terroristico è direttamente guidato da iracheni. Dalla sua proclamazione in Iraq e Siria nel giugno 2014, l'Isis si è esteso creando proprie filiali in Libia, Egitto, Yemen, Afghanistan e nel Caucaso. Ecco un breve profilo di sei "emiri" agli ordini del Califfo Abu Bakr al Baghdadi. LIBIA: l'iracheno Abu Ali Al Anbari Sirte è oggi una "colonia" dello Stato islamico (Isis) dove stanno arrivando decine di combattenti stranieri, anche a fronte delle crescenti pressioni militari ed economiche per i jihadisti in Iraq e in Siria.
L'organizzazione libica sarebbe l'unica, tra quelle straniere, ad essere sotto il diretto controllo dei leader Isis. A guidare i circa 2.000 combattenti, secondo il Nyt, sarebbe oggi l'iracheno Abu Ali Al Anbari, succeduto ad "Abu Nabil al Anbari"; anche lui ex funzionario del regime di Saddam Hussein. Wissam al Zubeidi, questo è il nome vero di Abu Nabil, è stato ucciso nelle settimane scorse in un raid Usa. Secondo leader delle milizie locali e funzionari occidentali interpellati dal Nyt, oggi l'Isis conta in Libia 2.000 combattenti. E negli ultimi tempi sono arrivati in Libia anche diversi leader iracheni dell'Isis, tra cui un ex funzionario del regime di Saddam Hussein, oggi conosciuto come Abu Ali Al-Anbari. Il nuovo leader della filiale libica si chiama invece Alaa Kirdash al Turkomani, un turcomanno nato a Tellafar a ovest di Mosul in Iraq. Secondo i media iracheni, il nuovo emiro dell'ala libica era un insegnante di fisica e membro del partito Baath al potere in Iraq durante l'epoca di Saddam. Il suo nome viene alla ribalta solo dopo la proclamazione del Califfato per i suoi "solidi legami con Abu Bakr al Baghdadi". Negli ultimi tempi avrebbe vissuto a Raqqa in Siria e "gestiva i rapporti con le altre organizzazioni jihadiste" in quel Paese. EGITTO: l'egiziano Kamal Allam Contrariamente alla Libia a guidare la filiale egiziana dell'Isis è un egiziano: si chiama Kamal Allam, un 37enne nato a Arish capoluogo della provincia del Sinai. Allam, secondo fonti jihadiste, era fuggito dal carcere, dove era detenuto dal 2003, durante la rivolta popolare anti-Mubarak. Verso la metà del 2013, Allam è sparito dalla circolazione dopo essere stato condannato a morte da un tribunale egiziano. Secondo fonti citati dal quotidiano arabo "al Watan", il futuro capo dell'Isis si sarebbe recato in Siria dove si era unito agli uomini di Abu Bakr al Baghdadi. Stando alle confessioni di un ex jihadista, citato dai media egiziani, Abu Bakr al Baghdadi "voleva incaricare uno dei suoi leader in Iraq alla guida dell'emirato del Sinai", trovando tuttavia una decisa opposizione da parte dei jihadisti locali. Il 14 gennaio 2014, le autorità del cairo avevano annunciato l'uccisione di Allam; notizia smentita con l'apparizione in video tempo dopo dello stesso Allam in sella ad un cavallo nel deserto del Sinai. SIRIA: il siriano Abu Mohammed al Adnani Taha Subhi Fallaha. Questo è il nome vero di Abu Mohammed al Adnani, capo della filiale siriana dell'Isis oltre ad essere portavoce ufficiale
dell'organizzazione. È nato in Siria nel 1977 nel villaggio di Binsh della provincia di Idlib, ma ha vissuto a lungo nel distretto di Haditah della provincia irachena al Anbar, dove era stato arrestato dagli americani il 31 maggio 2005 ma subito rilasciato. In un video diffuso in rete il 12 marzo scoro, al Adnani aveva annunciato il "benestare" del califfo al Baghdadi al giuramento di fedeltà all'organizzazione di Abubakar Shekau, leader del gruppo militante islamico nigeriano Boko Haram. In questa occasione al Adnani sollecitando i musulmani d'Africa alla mobilitazione rivolgendosi all'occidente aveva detto: "Se voi ambite a espugnare Mosul (Iraq), Jarablus (Siria) oppure Derna (Libia), una foresta in Nigeria o un pezzetto del deserto del Sinai sappiate che noi vogliamo Parigi prima ancora di Roma così come vogliamo Kabul, Karachi e Riad". Secondo l'intelligence francese Salah Abdeslam, il ricercato numero uno per gli attentati a Parigi, è fuggito in Siria. Lo riferisce la Cnn citando una fonte "vicino alle indagini" e un'altra fonte dell'antiterrorismo. Due giorni fa, fonti citate da Het Laatste Nieuws avevano affermato che Salah è fuggito in Siria favorito da amici e coperture.  NIGERIA: Abubakar Shekau Abubakar Shekau era il leader del gruppo militante islamico nigeriano Boko Haram, che negli ultimi cinque anni è dietro una insurrezione armata nel nord-est del Nigeria. Di Abdullahi Tasiu Abubakar, questo è il suo vero nome, si dice che sia un solitario senza paura, un uomo un pò teologo  e un pò gangster. L'aspetto più scioccante dell'uomo è stato visto in un video in cui si vede mentre ride annunciare il sequestro di più di 200 studentesse nell'aprile 2014 ed affermare: "Ho rapito le vostre ragazze e le venderò nel mercato". La morte di Shekau è stata annunciata almeno 3 volte senza mai essere seguita da una conferma ufficiale. Lo scorso 8 marzo, il leader di Boko Haram in un video diffuso in rete aveva giurato "fedeltà ed obbedienza" al Califfo Abu Bakr al Baghdadi. E dopo il benestare del Califfo, Shekau ha cambiato il nome della sua organizzazione in "Ptrovincia dell'Africa Occidentale" dello Stato Islamico. YEMEN: Abu Omar al Shami Nonostante che lo Stato Islamico non ha mai ammesso ufficialmente l'esistenza di una propria filiale nello Yemen, in rete sono circolati negli ultimi tempi video che hanno mostrato uomini con la divisa e il vessillo nero dell'organizzazione in esercitazioni nel deserto yemenita. Si sa poco dell'emiro del gruppo nel Paese della penisola araba tradizionale feudo dell'organizzazione rivale di al Qaida. Lo scorso 14 luglio le milizie sciiti Houthi avevano annunciato l'uccisione a Sanaa di Abu Omar al Shami indicandolo come "emiro" dell'Isis nello Yemen.
AFGHANISTAN: Hafiz Saeed Khan Hafiz Saeed Khan. È un leader dei talebani pachistani che lo scorso gennaio ha giurato fedeltà al Califfo Abu Bakr al-Baghdadi proclamando la creazione dello "Stato Islamico di Khorasan", ovvero l'area geografica che va dall'Afghanistan all'India.Secondo stime di intelligence occidentali Khan è riuscito a reclutare almeno 300 talebani, creando basi e infrastrutture la cui efficacia è dimostrata da un crescendo di attività: dalla strage di dicembre nella scuola dell'accademia militare di Peshawar all'attentato di aprile alla banca di Jalalabad fino alla campagna di decimazione dei fedelissimi del stesso Mullah Omar, defunto leader degli studenti coranici. A conferma della pericolosità di "Khorasan" c'è il raid con cui, lo scorso luglio, afghani e americani hanno eliminato il Mullah Abdul Rauf Khadim, ex comandante talebano dell'Helmand anche lui entrato nel Califfato. "Khorasan" è il nome della cellula jihadista presente in Siria considerata più pericolosa dal Pentagono e soprattutto lo "Stato Islamico del Khorasan" è l'autore di un piano di 32 pagine scritto in urdu - rivelato da "UsaToday" - che fa impallidire la strategia afghano-centrica di Haqqani: punta a investire l'India con attacchi terroristici di portata tale da innescare un'Apocalisse", ovvero spingere New Delhi a rispondere con le atomiche contro il Pakistan. L'assalto a Mumbai del 2008, realizzato dai taleban-pachistani di"Lashkar-e-Taiba" e per il quale Hafiz Khan Saeed è sospettato, è il precedente che descrive la matrice anti-indiana a cui si ispirano i piani di attacco globale" del "Khorasan".

Nessun commento:

Posta un commento