venerdì 13 novembre 2015

Unicredit chiude 800 filiali in Italia

[Cum sos annos benint sos affannos. Con gli anni vengono gli affanni]Il nuovo piano di Unicredit al 2018 prevede 18.200 tagli di personale includendo la vendita della controllata in Ucraina e la joint venture con Pioneer. Previste anche misure di contenimento dei costi per 1,6 miliardi. Il gruppo vende o ristruttura entro la fine del 2016 i business a bassa redditività. Il target di utile è di 5,3 miliardi. Nel nuovo piano, approvato dal Cda, Unicredit prevede la chiusura di 800 filiali entro il 2018 in Italia, Germania e Austria. Nel 2018 la forza lavoro ammonterà a 111 mila posti a tempo pieno. L'accordo firmato dal gruppo guidato da Federico Ghizzoni, che oggi presenta i conti e il nuovo piano, da Santander e dalle società affiliate di Warburg Pincus e General Atlantic, fa seguito al contratto preliminare siglato lo scorso 23 aprile. Dal matrimonio nascerà una società leader a livello globale nel settore dell'asset management, ricorda una nota rimandando alle autorizzazioni dovute, incluse quelle delle autorità regolamentari nei Paesi dove le due società sono presenti, per completare l'operazione.

Nessun commento:

Posta un commento