mercoledì 28 ottobre 2015

Italia non esiste la giustizia sociale

[Chi àle poche vale. Chi sbadiglia vale poco. Frase abruzzase] In Italia c'è scarsissima giustizia sociale e soprattutto i giovani ne pagano le conseguenze: è quanto emerge dal rapporto annuale della fondazione Bertelsmann, che mette l'Italia al 25mo posto, sui 28 Paesi europei, nella classifica generale della giustizia sociale. Secondo lo studio, “le possibilità di inserimento nel mondo del lavoro, fortemente limitate per un numero sempre crescente di giovani per via della mancanza di formazione e di esperienza sul mercato del lavoro, celano una vera e propria bomba a orologeria sociale, pronta a esplodere in futuro”. E “questo è ancor più vero se si considera che circa un terzo dei minori italiani è, già oggi, a rischio povertà ed emarginazione sociale”. Secondo la fondazione, “allarmanti” sono soprattutto le carenze ancora gravi del mercato del lavoro. “Rispetto all'indagine condotta lo scorso anno, la situazione ha fatto registrare un ulteriore netto peggioramento", si legge nello studio. Tra il 2008 e lo scorso anno il tasso di disoccupazione è quasi raddoppiato salendo dal 6,8% al 12,9%, mentre il livello occupazionale con una percentuale del 55,7% è rimasto stazionario ad un livello “molto basso” (26mo posto). Solo in Grecia e in Croazia si è registrato un tasso di occupazione ancora più basso. Il malfunzionamento del mercato del lavoro emerge anche dall'aumento di oltre il 100% della disoccupazione di lunga durata nello stesso periodo (dal 3,1 al 7,8%). Per i giovani italiani, prosegue il rapporto, “la situazione si presenta particolarmente drammatica”. Dal 2008 al 2014 la disoccupazione giovanile è infatti più che raddoppiata, passando dal 21,2% al 42,7% (25mo posto). Non a caso, “a causa della mancanza di prospettive future per i giovani, il Paese che sta invecchiando rapidamente occupa una delle ultime posizioni nella graduatoria della giustizia intergenerazionale (27mo posto)”.

Nessun commento:

Posta un commento