sabato 3 ottobre 2015

L'editto di Entella condiviso dal sindacato

[Ad s’abe qui punghet ndeli falat sa matta. All’ape dopo che punge scende la pancia. Si dice che quelli che fanno dispetti, fanno del male più a se stessi che agli altri. Frase sarda] E pensare che i sindacati, con i loro rsa, dovrebbero difendere i più deboli. Il sindacato che fu di Placido Rizzotto, a Punta Raisi, sembra andare controtendenza. Dopo la nobile battaglia su le quote rosa assenti  nell'ultimo cda della Gesap che ha suscitato non pochi sfottò da parte dell'antagonista sindacato aeroportuale, dove milita il padre di mia nipote. Ma abbandoniamo la cronaca rosa per passare al comportamento poco serio di alcuni sindacalisti che pur essendo rsa fanno mancati riposo e straordinario. Non ci sarebbe niente di male se non ci fosse stato l'editto di Entella che stabiliva che gli stabilizzati per sette mesi a 4 ore non dovevano fare più straordinario. In un Apt civile, con sindacalisti sensibili ci sarebbe stata una lotta per manifestare, con fatti, una concreta solidarietà. Invece se 40 part time, di cui 36 solo per sette mesi, non possono fare più straordinario altri ne approfittano gonfiando la loro busta paga. Il sindacato è morto, ogni occasione è buona fruttare le disgrazie altrui, convinco i miei iscritti ad accordarsi con l'azienda ... Insomma le solite porcate.

Nessun commento:

Posta un commento