mercoledì 23 settembre 2015

Le tasse diminuiranno ma nessuno ci crede


[Anche la groviera ha i buchi e non si lamenta. Totò – Antonio de Curtis]
Nel 2014 le imposte patrimoniali sono costate agli italiani la cifra record di 48,6 miliardi di euro.
Negli ultimi 25 anni, la loro incidenza sul Pil è raddoppiata, mentre in termini assoluti il gettito è aumentato di quasi 5 volte. A segnalarlo è l'Ufficio studi della Cgia, secondo cui per l'anno in corso il gettito complessivo dovrebbe attestarsi sul livello raggiunto nel 2014, mentre dal 2016 dovremmo registrare una decisa inversione di tendenza. “Se il Governo confermerà l'abolizione delle tasse che gravano sulla prima casa, dell'Imu agricola e quella sugli imbullonati", commenta Paolo Zabeo della Cgia, "nel 2016 dovremmo risparmiare 4,6 miliardi di euro: vale a dire uno sconto che sfiora il 10%”.
Le patrimoniali che pesano sui portafogli degli italiani sono una quindicina anche se le due imposte che gravano sulle abitazioni e sugli immobili strumentali, ovvero Tasi e Imu, garantiscono oltre la metà del gettito complessivo. “L'anno scorso”, spiega Zabeo, “per onorare questi due tributi famiglie, imprese e lavoratori autonomi hanno versato ben 24,7 miliardi di euro”. 

Nessun commento:

Posta un commento