domenica 27 settembre 2015

Cig zero ore, -5.300 euro da gennaio

[S’abba traet su molinu, et i s’ozu lu faghet andare. L’acqua tira il mulino, e l’olio lo fa camminare. Cioè significa che senza mezzi non si va avanti.  Frase sarda] La crisi continua a non pesare su tutti allo stesso modo, e i lavoratori in cassa integrazione continuano a perdere salario. Ogni lavoratore in Cig a zero ore già nel 2015 ha perso oltre 5.300 euro al netto delle tasse e si è determinata una riduzione nel monte salari già di oltre 1 miliardo e 750 milioni di euro netti nelle tasche dei lavoratori coinvolti. Con agosto - osserva la Cgil - si chiude il quinquennio in corso della Cig, è stato il più voluminoso dalla nascita di questo strumento. Nel corso di questi cinque anni sono state autorizzate 5 miliardi e 176 milioni di ore di Cig. Con una media di 1 miliardo di ore di Cig l'anno e con milioni di lavoratori coinvolti, sono state interessate oltre 500 mila posizioni lavorative a zero ore per ogni anno. Questa assenza dal lavoro ha contribuito ad una perdita di reddito per ogni lavoratore coinvolto a zero ore sui cinque anni, di oltre 40 mila euro al netto delle tasse, mentre questa mancata produzione al sistema economico, ha determinato una perdita di reddito complessivo per oltre 20 miliardi di euro al netto delle tasse.  "Il volume delle ore di cassa integrazione guadagni (Cig) dei primi sette mesi del 2015 conferma l'assenza di attività produttiva (zero ore) per potenziali 340mila posizioni lavorative dalle prospettive sempre più incerte ed esposte al pericolo reale di perdere definitivamente il lavoro e il sostentamento per le loro famiglie". È quanto si legge nel rapporto di luglio dell'Osservatorio Cig della Cgil, frutto di elaborazioni delle rilevazioni sulla cassa condotte dall'Inps. Sempre nei primi sette mesi del 2015, evidenzia il rapporto, "i lavoratori in Cig hanno perso complessivamente oltre 1 miliardo e 600 milioni di euro del reddito al netto delle tasse, mentre ogni singolo lavoratore in cassa integrazione a zero ore per tutto il periodo ha subito una riduzione del salario al netto delle tasse di circa 4.600 euro". Le ore di cassa integrazione guadagni (Cig) a luglio, richieste ed autorizzate, sono state 52.395.770, con un calo del 26,94% rispetto al mese di luglio 2014. Un risultato che viene giudicato positivamente dalla Cgil, ma che non deve però essere troppo enfatizzato.

Nessun commento:

Posta un commento