venerdì 24 luglio 2015

Amnesty contro Iran

[Naramì cum quie abitas, et ti hap’a narrer quie ses. Dimmi con chi abiti e t dirò chi sei. Detto sardo] Quasi 700 persone condannate alla pena capitale sono state giustiziate in Iran nel 2015: è la denuncia di Amnesty international, che citando "informazioni attendibili" ha riferito che almeno quattro detenuti sono stati uccisi anche durante il mese di Ramadan. Secondo l'organizzazione non governativa, "le autorità iraniane hanno giustiziato 694 persone tra il primo gennaio e il 15 luglio" dell'anno in corso. "A questo ritmo scioccante, l'Iran supererà il numero delle esecuzioni recensite nel Paese in tutto il 2014, ha detto Said Boumedouha, vice direttore di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa. "Le autorità iraniane devono vergognarsi per l'esecuzione di centinaia di persone indipendentemente da eventuali procedimenti giudiziari alla base", ha commentato ancora il vice direttore di Amnesty.

Nessun commento:

Posta un commento