sabato 20 giugno 2015

Le piste di Punta Raisi

[Zuche e fen int'on mese i vien. Detto popolare Veneto] Nel dicembre  2009 i progettisti della Gesap avrebbero preparano un progetto di  massima per rifare la pista. I tre progettisti nel 2009 scrivono, nella  dettagliata relazione tecnica, che la pista deve essere rifatta massimo  e non oltre sette anni. Siamo al 2015 e niente è stato fatto. Anzi, per  dirla tutta, lo scorso aprile nel corso di una riunione tecnica in  Gesap si sarebbe venuti a sapere che un noto professore universitario  della notissima università di Palermo comunica i dati del progetto per  il rifacimento della pista. Non solo i lavori di manutenzione della  pista non erano stati fatti, ma addirittura c'era un altro progetto in corso. Il noto accademico dopo la dotta relazione verbalmente  comunicata ai presenti sostiene, concludendo, che la pista deve essere  rifatta. Tempo di vita della pista in oggetto d'esame sarebbe stata da  0 a 2 anni. Costo del progetto 15 milioni circa, contro gli otto del  progetto fatto nel 2009. Ma in tutti questi anni cosa hanno fatto in  Gesap? Avrebbero preso i migliori consulenti esterni, pagati  decisamente tanto per fare che cosa? Oggi Punta Raisi si ritrova  una  pista che rischia il collasso, i pontili tutti e sette chiusi  per  manutenzione, un'aerostazione che fa acqua, e non è una metafora. Probabilmente i migliori e cosiddetti consulenti esterni  non erano poi così bravi anche se con la tettoia pensilina degli arrivi sono riusciti a salvare la facciata.

Nessun commento:

Posta un commento