mercoledì 25 febbraio 2015

La Procura di Bari contro Ryanair

[Ogni nasu a la faccia sua mera, e u toi a lu culo do' sumera. Ogni naso si addice alla sua faccia e il tuo al culo dell'asino. Frase calabrese] La Procura di Bari ha messo sotto inchiesta i 30 milioni di euro che Ryanair ha ricevuto come finanziamenti di fondi europei per il turismo, erogati dalla Regione Puglia per il tramite di Aeroporti di Puglia. Come riportato dall'agenzia Ansa, le ipotesi di reato sono truffa e abuso d'ufficio. Aeroporti di Puglia precisa che le risorse finanziarie in questione non derivano da programmi comunitari. “In ordine alle circostanze che hanno portato nel 2009 alla sottoscrizione del primo accordo con Ams - si legge in una nota diffusa dalla società - Aeroporti di Puglia ha sempre fornito, con ampio spirito di collaborazione, tutte le informazioni richieste. Tale contratto prevedeva una durata complessiva di anni 10 (5+5), con un'opzione per il rinnovo al termine dei primi cinque anni, che è stata esercitata nel 2014. Il rinnovo è avvenuto in linea con quanto stabilito dalla normativa nazionale e comunitaria ed è stato comunque supportato da preventivi pareri legali ed amministrativi sulla conformità a dette norme e da una specifica attività istruttoria ed autorizzativa da parte della Regione Puglia”.

Nessun commento:

Posta un commento