giovedì 30 ottobre 2014

Fondo cinese si fa avanti per acquistare Meridiana

[Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo. Anonimo] "Con la presente il sottoscritto Xiadong Zhu, in qualità di presidente del gruppo Shanghai Pingyi Equity Investiment Center, comunica di voler valutare attentamente la compagnia aerea Meridiana al fine di voler avere un'eventuale partecipazione importante nella società". È il testo della lettera che il gruppo cinese Shanghai Pingyi Equity Investiment Center ha inviato al presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, manifestando l'interesse per l'acquisto di Meridiana. Zhu spiega a Pigliaru che il Gruppo ha "interessi in vari settori", dall'immobiliare al turismo, sportivo, agroalimentare. Il settore del trasporto aereo sia di persone che di merci rappresenta per noi un'opportunità di crescita e consolidamento dei nostri investimenti in Europa". Il presidente del fondo d'investimento cinese comunica di aver "conferito incarico esplorativo" al commercialista cagliaritano Enrico Garau relativamente alla verifica "delle condizioni della compagnia aerea Meridiana, fortemente legata" alla Sardegna e chiede un incontro al presidente Pigliaru "volto a chiarire la strategia della Regione Sardegna nel settore del trasporto aereo" insieme a Garau e al consigliere regionale Edoardo Tocco (Fi) .

1 commento:

  1. Il presidente di Meridiana Marco Rigotti ha ridimensionato la notizia sul probabile interessamento di un Gruppo cinese all’acquisto del vettore: “Chi è seriamente interessato ad acquistare un'azienda cerca un contatto con la proprietà, che però in questo caso non c'è stato. Non vorrei che fossimo di fronte a persone che cercano soltanto visibilità” ha dichiarato Rigotti all’Ansa. Parlando a nome del fondo Akfed, proprietario dell’azienda, ha aggiunto: “Suggerisco peraltro di non confondere l'aspetto della proprietà dell'azienda con il tema della ristrutturazione, che è imprescindibile affinché questa possa tornare ad essere competitiva e restare sul mercato. Occorre infatti rammentare che l'attuale azionista ha fatto e sta continuando a fare sforzi economici eccezionali per questa azienda”. Nel frattempo Andrea Mascia ed Alessandro Santocchini, il pilota e l’assistente di volo della compagnia che 15 giorni fa sono saliti per protesta su una torre dello scalo sardo hanno annunciato che l’amministratore delegato di Meridiana Roberto Scaramella incontrerà i lavoratori all’aeroporto di Olbia. L’ad intende chiarire “Quello che lui ritiene che in questi anni non sia stato detto dalle organizzazioni di categoria”. I due dipendenti hanno concordato i termini della riunione per telefono con l’ad. Vi parteciperà una delegazione di una quindicina di lavoratori, “Noi invece seguiremo l'incontro in streaming, senza scendere dal nostro palo”, hanno precisato. La data prevista è il 7 novembre ma Mascia e Santocchini sperano che possa essere anticipata, anche perché per quello stesso giorno è prevista l’assemblea generale dei lavoratori. Il pilota, al quarto giorno di sciopero della fame, ha voluto dare rassicurazioni sul suo stato di salute. È stato visitato da un medico e sta bene: “È tutto sotto controllo” -ha dichiarato- “Alessandro vigila su di me e non siamo intenzionati a fare cose pericolose”. Le proteste intanto andranno avanti. Sabato mattina gruppi di lavoratori si incateneranno a Milano, Verona, Cagliari ed Olbia, città sede di basi Meridiana, dalle 10 alle 12. In serata invece, sotto alla torre su cui si trovano Mascia e Santocchini, è prevista una festa aperta a tutta la popolazione olbiese.

    RispondiElimina