martedì 28 gennaio 2014

Buffett promuove a.d. Dimon

[L’amicizia è un contratto con il quale c’impegniamo a rendere piccoli favori a qualcuno perché ce li contraccambi con favori grandi. Montesquieu] Warren Buffett promuove Jamie Dimon, l'amministratore delegato di JPMorgan. In un'intervista al Wall Street Journal, il guru della finanza afferma che se avesse JPMorgan terrebbe Dimon e lo pagherebbe ancora di più di quanto non guadagni già ora. “Se volesse guadagnare di più, l'unica cosa che dovrebbe fare è chiamarmi e l'assumerei a Berkshir” afferma Buffett. Dimon ha ricevuto un compenso per il 2013 di 20 milioni di dollari, il 74% in più rispetto all'anno precedente. In Italia Pil piu' basso e lento: rispetto alle dinamiche pre-2007 sono stati bruciati 200 miliardi di reddito annuo. Lo rileva il Centro studi Confidustria in una nota. “Il Pil italiano - si legge - è diminuito del 9,1% rispetto al picco pre-crisi toccato nel 2007. Metà di questa riduzione non verrà recuperata prima del 2019. Per l'altra metà la perdita sarà ancora più persistente. La doppia, profonda e lunga recessione ha intaccato nettamente il potenziale di crescita, abbassandolo dall'1,1% a meno di mezzo punto percentuale nel medio termine”. “Rispetto alle traiettorie già  modeste del decennio 1997-2007, il livello del Pil potenziale è più basso del 12,6%, in altre parole - si legge ancora - sono andati bruciati oltre 200 miliardi di euro di reddito a prezzi 2013, quasi 3.500 euro per abitante. Solo con incisive riforme strutturali si può recuperare il terreno perduto. Secondo l'Fmi gli interventi varati nel 2011-12, se attuati pienamente, innalzeranno il Pil del 10% in dieci anni, aggiungendo un punto percentuale all'anno”.

Nessun commento:

Posta un commento