venerdì 24 gennaio 2014

ASPETTANDO GLI ARGENTINI

[L’orgoglio è lo specchio sempre favorevole: diminuisce i nostri difetti e accresce le nostre virtù; è un altro senso dell’anima, che le procura a ogni istante nuove soddisfazioni.  Montesquieu]
Sulla scena del trasporto aereo si torna a parlare di Eduardo Eurnekian, in quanto la sua Corporacion America entra, con la sua holding Cedicor, in Sat, società di gestione dello scalo di Pisa. È  quanto riporta il Corriere della Sera, da cui si apprende che è stato acquistato il 23,4%. In questo modo Cedicor (che ha accettato l'offerta dei soci privati Finatan, Fada, Savimag) si affianca ai soci pubblici, Regione Toscana, 16,9%, Provincia di Pisa 9,27%, Comune di Pisa, 8,45%. Entro fine febbraio è previsto il closing dell'operazione. Il Corriere ripercorre le mosse del manager nel settore aeroportuale, in passato c'era stato, infatti, aveva mostrato interesse per lo scalo di Fiumicino, poi aveva fatto un'offerta, da 25 milioni, per Ali Trasporti Aerei. Vero è che il gruppo è presente nel nostro Paese nello scalo di Trapani, dove è socio di minoranza. Non è tutto, sembra infatti che Eurnekian adesso sia interessato alla gara di privatizzazione dello scalo di Palermo, che, secondo quanto scrive il quotidiano, dovrebbe essere annunciata a breve. La concessione di gestione totale dell' aeroporto di Lampedusa  potrebbe essere un altro obiettivo strategico, minore, degli argentini. Dopo gli scali di Crotone, Caserta e Linate Ata che ha subito un momentaneo blocco dopo il ricorso della Sea tutto farebbe pensare che la prossima a cadere sarebbe Lampedusa.Brucia la sconfitta subita a Verona. Certo, l’ast aeroservizi non resterà a guardare, consapevole di combattere contro un colosso, farà di tutto per non mollare il suo unico scoglio.  Il rilascio della concessione, a seguito del procedimento previsto dalle norme vigenti in materia, comporta l'affidamento al gestore aeroportuale, sotto il controllo e la vigilanza dell'ENAC e degli altri Enti competenti, del compito di amministrare e di gestire , secondo criteri di trasparenza e non discriminazione, l'infrastruttura aeroportuale e di coordinare e controllare le attività dei vari operatori privati ivi operanti. In ogni caso, l'idoneità dell'operatore economico ad espletare le
attività di cui alla concessione oggetto della presente procedura, nel rispetto dei vigenti standard tecnici e di sicurezza, sarà sottoposta a verifica ai fini della certificazione rilasciata dall'ENAC, secondo quanto previsto dal Regolamento per la costruzione e l'esercizio degli aeroporti e circolari applicative. Il concessionario dovrà, altresì,  garantire le attività e i livelli essenziali di prestazioni richieste dalle norme vigenti in materia e dalle prescrizioni emanate dagli Enti competenti. La concessione di gestione totale dello scalo aeroportuale di Lampedusa avrà una durata di 20 anni a decorrere dalla data di efficacia del decreto di affidamento della concessione adottato dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. Sono ammessi a partecipare alla gara tutti gli operatori economici, anche temporaneamente associati o che intendono associarsi , secondo le norme comunitarie, in possesso dei requisiti di ordine generale di cui all'art. 38 d.lgs. n. 163/2006, nonché di capacità economico-finanziaria di seguito indicata. Alla procedura di gara possono partecipare anche imprese straniere non comunitarie, a condizione che istituiscano in Italia una sede legale, anche secondaria, presso lo scalo aeroportuale oggetto di affidamento e lo Stato in cui esse hanno la sede principale ammetta imprese italiane a condizione di reciprocità. È fatto divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in forma individuale e contemporaneamente in raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) o in consorzio, ovvero di partecipare in più RTI o consorzi, pena l'esclusione dalla gara dell'impresa medesima e del RTI o del consorzio al quale partecipa. Ai fini della partecipazione si richiede all'operatore economico - iscritto al registro delle imprese presso la competente C.C.I.A.A ovvero al competente albo o analogo registro dello Stato di appartenenza - di avere: a) forma giuridica di società di capitali secondo le norme del codice civile ovvero secondo le norme del paese ove ha sede il concorrente; b) capitale sociale non inferiore a € 120.000,00, da incrementare sino a € 516.457,00, ove non già posseduto, in caso di aggiudicazione; c) oggetto sociale principale comprendente le seguenti attività: sviluppo, progettazione, realizzazione, adeguamento, gestione, manutenzione ed uso degli impianti e delle infrastrutture per l'esercizio dell'attività aeroportuale, nonché attività connesse o collegate purché non a carattere prevalente. Possono partecipare alla procedura anche i concorrenti che, pur non essendo in possesso del requisito di cui alla precedente lettera c) al momento dell'offerta, presentino una dichiarazione di impegno, sottoscritta dal legale rappresentante , ad adeguare l'oggetto sociale includendo le attività di cui alla lettera c) in caso di aggiudicazione ed entro 30 giorni dalla richiesta dell'amministrazione aggiudicatrice. Il concorrente deve inoltre presentare una dichiarazione, sottoscritta dal legale rappresentante, con cui si impegna, entro 30 giorni dalla richiesta della amministrazione aggiudicatrice, ad incrementare il capitale sociale sino al
raggiungimento di un valore non inferiore a € 516.457,00 e a costituire una sede legale, anche secondaria, presso lo scalo aeroportuale oggetto della concessione. L'offerta dovrà pervenire, pena “esclusione, entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 11/03/2014 al seguente recapito: Ente Nazionale per l'Aviazione Civile - Direzione Centrale Sviluppo Economico - Direzione Sviluppo Aeroporti - Viale del Castro Pretorio, Roma, osservando una delle seguenti modalità:  a mezzo del servizio postale con raccomandata AfR, espresso, posta prioritaria; a mezzo corriere;  a mano negli orari di apertura dell'Ufficio addetto al Protocollo (dal lunedì al venerdì, dalle ore 08.00 alle ore 15.42).

Nessun commento:

Posta un commento