venerdì 31 maggio 2013

Malacumparsa a Punta Raisi

[Si nun saje fà 'o scarparo nun sfottere 'e semmenzelle. Lasciate spazio ai professionisti] La Gh di Punta Raisi nel mese di gennaio aveva deciso di mandare 25 dipendenti in cassa integrazione volontaria. Dopo una lunga trattativa con il mondo sindacale anche l’ultimo sindacato, la Cisal, si è turato il naso è ha firmato. Ancora oggi non si riesce a capire come mai un’azienda con  l’80% del mercato dello scalo di Palermo possa essere in crisi. Non solo, ma la Gh essendo completamente di proprietà della Gesap, probabilmente non paga l’affitto dei locali in aeroporto, il carburante e quant’altro. Però sono in crisi, la situazione era così critica che se non si sarebbe aperta la cassa integrazione c’era il rischio di portare i libri in tribunale. Poi, a febbraio, a conclusione degli accertamenti eseguiti da ispettori dell’inps, iniziati con l’accesso ispettivo del 25/05/2012 nei confronti dell’appaltatore Uges sos Palermo si apprendeva che codesta società ha occupato i lavoratori senza costituire formalmente il rapporto di lavoro bensì mediante contratto – convenzione stipulato tra Gh Palermo spa e Uges sos Palermo, ritenuto contrario a norme imperative di legge, in quanto posto in essere al fine di eludere norme e istituti previsti per il lavoro subordinato.  Si evincerebbe come la convenzione per l’espletamento dei servizi di assistenza diretta alle Prm sarebbe stata firmata dalle parti interessate in data antecedente a tale termine. Al momento della comunicazione da parte della gh alle tre associazioni al fine di concorrere per l’offerta più vantaggiosa, la Uges sos non avrebbe avuto i requisiti di anzianità. La direzione territoriale del lavoro di Palermo condannava la Gh a pagare 1.153.899,56 di euro. Tutto questo non avrebbe avuto luogo se i manager della Gesap e della controllata Gh accettavano i consigli dati dal consigliere Mimmo Di Carlo e messi a verbale nel corso del cda della Gesap del 28/2/2012.    Ebbene, grazie a questa politica spregiudicata e poco lungimirante, domani i 25 volontari cassintegrati dovranno ritornare a lavorare, cosi facendo si potranno prendere gli stagionali. Non sono bravi, i manager della Gesap e della Gh, nemmeno a organizzare la cassa integrazione, vi rendete conto; in futuro per evitare brutte figure parlate con Biancaneve o se proprio volete esagerare chiamate la sede italiana di Aviapartner a Roma che sicuramente vi darà consigli utilissimi. 

18 commenti:

  1. Ah ah ha ha ah ah Sciambra e il vero sindaco di punta raisi !!!!

    RispondiElimina
  2. ""VERGOGNOSO"" io da ex uges e attuale parte lesa di questo schifo mi vergogno, sia dal sistema aeroportuale e dirigenziale ma in particolare dei sindacati e sindacalisti. In particolare dalla cisal che come persona il Sig COLOMBINO si erge a tutelare i lavoratori e poi, fa uguale a quel piccolo uomo che fino a qualche mese fa ci litigava ora manca che si mettono a braccetto e girano assieme in apt. Una domanda al Sig COLOMBINA non era lei che diceva che se dovevano internalizzare tutti i servizi da società esterne come mai rientra il servizio informazione con personale esterno e non si e fatto luce su come ancora i ragazzi dei Quick lavorino anche se è un servizio internalizzato della gesap. Un giorno qualcuna mi aveva detto che lei Sig Colombino era diverso da tutti i sindacalisti ma sto vedendo che e uguale a tutti gli altri che sa solo parlare bene ma razzolare male.

    RispondiElimina
  3. L'internalizazzione dei servizi e la salvezza per i dipendenti GH e GESAP, mi dispiace per voi Uges, ma voi eravate solo volontari e questo lo sapete, bisogna garantire chi un posto di lavoro vero c'è l'ha e no chi lo ha avuto promesso, forza CISAL siamo con voi!

    RispondiElimina
  4. Forza CISAL Colombino non è come il nano vatti ad informare!

    RispondiElimina
  5. Il punto informazione ha dato lavoro a quattro persone da più di 7 anni, quello è un posto di lavoro che la CISAL deve difendere.

    RispondiElimina
  6. Ex Uges? Getta la maschera! Perché c'è l'ha i tanto con Colombino? L'internalizazzione dei servizi e' vitale per salvaguardare i livelli occupazionali dello scalo, il punto informazione e' un appalto che prevede professionalità saper parlare diverse lingue e poi parliamo di un costo di appalto bassissimo, lo stesso non possiamo dire di Uges dove sono stati spesi diverse centinaia di milaeuro

    RispondiElimina
  7. Sciacquati la bocca con l'acido muriatico quando parli di CISAL e Colombino, Idiota!!!

    RispondiElimina
  8. Ww la CISAL andate avanti ragazzi!! Contro l'arroganza e la prepotenza di quel malato di mente che tiene lo scalo sotto il suo assedio con l'obiettivo di distruggerlo assieme a quei quattro briganti da lui assunti!! Forza CISAL siete l'unica speranza di tutti noi lavoratori dello scalo!

    RispondiElimina
  9. Grande CISAL sei tutti noi

    RispondiElimina
  10. Gianluca stai tranquillo questo che scrive o è il pazzo o qualche suo seguace

    RispondiElimina
  11. Il nostro pazzerello dello scalo che lo sta distruggendo. Forza ragazzi CISAL date gli sotto siete i nostri mastini

    RispondiElimina
  12. Solidarietà a Colombino per il vile atto diffamatorio messo ad arte da qualche buffone!

    RispondiElimina
  13. A questo scemo che attacca l'unico difensore dei lavoratori, vorrei dirgli che la colpa di tutto ciò è da ricercare altrove ed esattamente dovrebbe chiedere a quel pazzo che assedia lo scalo con la banda di briganti da lui assunti e comparì di merende che dividono

    RispondiElimina
  14. Intanto rispondo al 1°anonimo, che dice che noi eravamo volontari. Informati prima di parlare, perchè 35 operatori lavoravano a prestazione""PROFESSIONALE"" con partita iva. Ti informo che X noi era un lavoro vero, per quanto mi riguarda a me personalmente non mi ha promesso niente nessuno. E cosa più importante non mi ha raccomandato nessuno.
    Al 2° anonimo rispondo non comment.
    Al 3° anonimo rispondo, che se le 4 persone anno 7 anni e vengono difesi dalla cisal, cè gente alla uges che ha più di 10 anni da chi deve essere difesa dal presidente della repubblica?
    Al 4° anonimo rispondo come dici tu che bisogna essere professionali dovè la professionalità, quando per la sala amica hanno preso gli operai della rampa? per fare un servizio delicato come i PRM, o in GH e GESAP non cè nessuno che è in grado di parlare altre lingue. Per quanto riguarda il costo del servizio PRM ti informo che i soldi non ce li siamo mangiati noi uges ma chi amministra l'aeroporto.
    Al 5° anonimo consiglio di farsi un cocktail di soda caustica cosi non dice minc.....
    Al 6° anonimo non so a chi ti riferisci quando dici malato di mente, forse ti riferisci a chi per anni hai leccato il culo? e ora gli hai voltato le spalle per il nuovo RE dello scalo.
    Al resto degli anonimi per vostra informazione, chi vi scrive non e certo ne un seguace del pazzo, ne il malato di mente come lo avete apostrofato voi. Ma un lavoratore che gli preme riavere il suo lavoro, e se vi e una giustizia terrena al più presto riavrà il mio lavoro senza leccare nessuno come avete e fate voi con i sindacati e sindacalisti e le vostri padrini chi vi anno raccomandato per entrare in apt.
    PS: al'ultimo anonimo scemo ci sarai tù e se la cisal come dici, è difensore dei lavoratori che lo dimostri invece di dire che noi ex operatori della uges non abbiamo alcun diritto. E di essere difesi come lavoratori.

    RispondiElimina
  15. Banda di briganti e incompetenti totalmente incompetenti e incapaci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo vorresti spiegare a chi è rivolto questo messaggio ?

      Elimina
  16. Trincerarsi dietro l'anonimato è sinonimo di viltà e questo atteggiamento non rientra certamente nello spirito della nostra Organizzazione e per questo mi firmo. Le proprie idee ed opinioni, giuste o sbagliate che siano, con verità e lealtà e senza scagliare pietre infanganti nel mucchio, devono essere portate avanti a viso scoperto; ma è anche vero che non corrisponde a verità "Non lamentarti se hai paura di ribellarti. Taci e soffri un silenzio", come è stato postato su Facebook dalla CISAL. Cosa ti ribelli a fare, come puoi denunciare soprusi e ingiustizie che subisci, se neanche chi è proposto a far da megafono alle tue verità ti da spazio? Mass media locali docent! Premettendo che mi dissocio totalmente da questo pseudo "ex Uges", perché non si difende il proprio impegno lavorativo attaccando all'impazzata chi nel bene o nel male svolge il proprio compito istituzionale, devo, per giustizia e verità, rettificare parecchie inesattezze sia nell'articolo, sia nei commenti allo stesso.
    Per prima cosa, "al momento della comunicazione da parte della gh alle tre associazioni al fine di concorrere per l’offerta più vantaggiosa, la Uges sos AVEVA i requisiti di anzianità". Spiace leggere queste inesattezze, riportate da un acuto e attento giornalista come Castrenze! Bastava chiedere informazioni dirette ai responsabili dell'Associazione e avrebbe potuto avere tutte le notizie dettagliate e corrette, corredate anche da certificazioni e Decreti Assessoriali. Comunque, si è umani e si può anche sbagliare, seguendo chi ha già sbagliato, negli stessi errori. Inoltre, considerato che il buon Castrenze è così informato dettagliatamente sull'importo (al centesimo) dell'ammenda comminata a GH dalla Direzione territoriale del Lavoro di Palermo, come è possibile che non sappia che oltre all'ammenda vi sono anche due altre prescrizioni, alle quali GH avrebbe dovuto adempiere? Una, la risoluzione del rapporto contrattuale fra GH e UGES, è stata messa in atto immediatamente (guarda caso), l'altra, la più importante, quella oggetto delle visite ispettive, è rimasta nel dimenticatoio di qualche burocrate, zelante del bene della Società, ma non della collettività, delle esigenze dei passeggeri con ridotta mobilità.

    Continua su Facebook PA Uges sos

    dott. tommaso zirilli
    Presidente P.A. U.G.E.S. S.O.S. Palermo e
    ex Direttore UGES servizio PRM

    RispondiElimina
  17. Gradirei soltanto conoscere il nome e il cognome di chi mi chiama in causa.... non fosse altro che per il semplice fatto che io mi firmo sempre!
    Per il resto la solidarietà è un valore di cui fare tesoro ogni giorno e non da agitare allorquando se ne avverte la necessità ! IO personalmente credo che se esistesse la volontà di non guardare al proprio orticello ma di avere una visione di insieme si potrebbero fare tante e tante belle cose !
    per rispondere all'amico anonimo del secondo commento...aspetto la firma !
    Gianluca Colombino

    RispondiElimina