martedì 18 dicembre 2012

HELG CHIUDE


[Il susino è in fiore, l’usignolo canta, e io sono solo! Haiku] La Helg spa, ha operato dal 1974 come distributore all’ingrosso dei più prestigiosi marchi europei. La sede centrale si trova all’interno dell’area industriale di Carini, comune di Palermo, a due passi dall’aeroporto di Punta Raisi in una posizione strategica per quanto riguarda i collegamenti viari. Su circa 4000 mq. complessivi, 800 erano dedicati allo spazio espositivo con una divisione specificatamente rivolta alla ristorazione ed al settore alberghiero. Il problema, secondo quanto riferito dalla Confcommercio, è un credito di milioni di euro che l’azienda vanta ma che non è stato mai esitato. Negli ultimi mesi la società aveva fornito varie aziende all’estero e in Sicilia, soprattutto del Nord Africa. Nel corso del 2012, i paesi del continente africano,  sono stati colpiti da disordini interni che hanno messo in ginocchio le aziende locali facendo si che tutto il materiale fornito dalla Helg non venisse mai pagato. Milioni e milioni di euro di debiti si sono così accumulati gettando l’azienda in una profonda crisi e al crollo drastico delle vendite. Helg Spa, fa sapere la Confcommercio, ha consegnato presso il tribunale i libri contabili e ha già avviato le procedure di fallimento. I dipendenti, circa 12 lavoratori, sono attualmente coperti dagli ammortizzatori sociali. Il fallimento è stato dichiarato lo scorso 22 novembre.

2 commenti:

  1. STRANO CHE UNA SPA SI TRASFORMI DI COLPO IN SRL E LA SI LASCIA FALLIRE MOLTO STRANO..........
    IL FALLIMENTO DELLA HELG è ANCHE IL FALLIMENTO DEL PRESIDENTE DI CONFCOMMERCIO E CAMERA DI COMMERCIO FAREBBE MEGLIO A DIMETTERSI!!!
    IL COMMERCIO CON IL SUO ARRIVO IN QUESTI ENTI è COINCISO CON IL DECLINO.

    RispondiElimina
  2. Basta ricordare che gestisce con gli stessi risultati l'aera commerciale in aeroporto, che ha cacciato tante aziende che lavoravano e davano occupazione per assegnare l'appalto ad un azienda fallita che ha lasciato un buco nelle casse della Gesap di qualche milione di euro. Davvero bravo, complimenti.

    RispondiElimina