lunedì 30 aprile 2012

Spagna pensa bad bank


[Le cose non succedono per una ragione... succedono e basta! Alice Bowman in Rapimento e riscatto] La Spagna prepara la creazione di una bad bank in cui far confluire le attività a rischio in pancia alle banche iberiche. Lo scrive El Mundo che cita fonti della Banca di Spagna secondo cui BlackRock è  stata incaricata di individuare gli asset tossici in mano alle banche per separarli dalle altre attività e ripulire così i bilanci. Secondo la Banca di Spagna a fine 2011 sulle banche gravavano 184 miliardi di asset immobiliari a rischio per effetto dello scoppio della bolla nel 2008. Sarebbe “sensato e positivo per le banche spagnole separare gli asset tossici dalle altre attività finanziarie”. Lo ha detto il ministro dell'Economia spagnolo, Luis de Guindos, a margine di un incontro a Santiago de Compostela col suo omologo tedesco Wolfgang Schaeuble. De Guindos ha aggiunto che nelle prossime settimane “si aspetta un processo di consolidamento e di ristrutturazione nel settore bancario e ulteriori sforzi da parte delle banche per ripulire i propri bilanci”. La Spagna torna in recessione: il Pil del primo trimestre 2012 ha segnato una contrazione dello 0,3% dopo il -0,3% dell'ultimo trimestre 2011. Con due trimestri consecutivi in contrazione, si conferma ufficialmente il ritorno in recessione del Paese Iberico dal 2009. Su base annua, il Pil ha evidenziato un -0,4%.

Nessun commento:

Posta un commento