sabato 28 aprile 2012

I blitz della GdF


[Di un po Eddie, hai un coniglio in tasca o sei contento di vedermi? Dolores in Chi ha incastrato Roger Rabbit]  L’eterna lotta contro gli evasori continua in Italia e sembra ottenere dei buoni risultati. I blitz non si annunciano si fanno. Se la catturandi, alla vigilia di una retata, dicesse a tutti il luogo dove avverrà la retata tutti i latitanti andrebbero via. È come succede oggi in Afganistan e alcuni mesi fa in Iraq: domani offensiva Nato nella provincia tal dei tali e tutti i terroristi andavano via a fare attentati in altre città. Meno tv e comunicati stampa …  La lotta contro i parassiti che non pagano le tasse va fatta ma senza gridare, alla fine contano i risultati.  Nei primi quattro mesi del 2012 la Guardia di Finanza ha scoperto duemila evasori totali sparsi su tutto il territorio nazionale. Dalle indagini è emerso che gli evasori hanno nascosto al fisco redditi per oltre 6 miliardi di euro. I controlli effettuati dagli uomini delle Fiamme Gialle hanno portato alla denuncia all'autorità giudiziaria di 853 soggetti che non avevano presentato la dichiarazione e di altri 530 per occultamento o distruzione della contabilità. Nei primi quattro mesi del 2012 la Guardia di Finanza ha scoperto circa 650 milioni di euro di Iva evasa. I controlli delle Fiamme Gialle hanno interessato tutte le regioni italiane e rientrano in quella che il comandante della Gdf Nino Di Paolo ha più volte definito una “lotta sistematica e decisa all'evasione fiscale”. Evasori, truffatori, ladri: tanti sono i furbetti che in Italia cercano la scorciatoia per non pagare le tasse, per frodare il fisco o per appropriarsi di quello che non hanno guadagnato con il sudore della fronte. Un fenomeno fastidioso e pericoloso che però sempre più spesso - grazie al lavoro delle forze dell'ordine e di tanti cittadini onesti - viene smascherato. 

Nessun commento:

Posta un commento