giovedì 19 aprile 2012

Emergenza credit crunch


[Un sorriso non dura che un istante ma nel ricordo può essere eterno. F. Schiller] “La vera emergenza è la restrizione del credito e su questo vogliamo risposte chiare e vere”. Lo ha detto la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, in vista dell'incontro tra Abi e imprese. È ormai chiaro a tutti che allentare il credit crunch, la morsa del credito che strozza il flusso di finanziamenti alle imprese, è un problema chiave per ridare fiato all'economia italiana. Ma l'ultimo allarme che arriva dalla Sicilia evidenzia anche i mille rivoli di effetti collaterali perversi che prova un cattivo funzionamento del sistema del credito. A fronte di una domanda crescente di fondi delle imprese siciliane ha corrisposto nel corso del 2011 una riduzione del 20% delle erogazioni. E purtroppo i segnali che arrivano da altre regioni del Mezzogiorno non sono molto più confortanti. Affiora pertanto un'aggravante che rende ancor più cupo l'atlante del credito italiano. Rischiano infatti di essere le zone del Paese periferiche e che più necessitano di un sostegno allo sviluppo ad essere le più penalizzate. E sono magari le piccole imprese e le nuove attività che più cercando di dare slancio a zone depresse a risultare le più vulnerabili. 

Nessun commento:

Posta un commento