venerdì 27 aprile 2012

Alitalia, Ragnetti poco ottimista per i conti del 2012


[Pecunia non olet]  Per l'Ad di Alitalia, Andrea Ragnetti, la concorrenza del treno rispetto all'aereo sulla tratta Roma-Milano “è sotto gli occhi di tutti” ed in questo senso Alitalia ritiene “assolutamente non condivisibile” l'accusa di monopolismo mossa dall'Antitrust alla compagnia di bandiera. La decisione dell'Antitrust  “non la condividiamo, e perciò nel rispetto di tutte le regole noi faremo ricorso: si comincia dal Tar non appena saremo pronti”. L'Antitrust, entro giugno, dovrà pronunciarsi  sull’acquisizione  di Wind Jet e in molti sostengono che ci potrebbe essere un altro giudizio negativo.   Il 2012 è ancora lungo ma per i conti di Alitalia “é difficile essere ottimisti”. La previsione è di Andrea Ragnetti, nuovo ad del gruppo a margine della presentazione dei piani di sviluppo del Gruppo Alitalia sull'aeroporto Marco Polo di Venezia. “L'anno scorso - ha detto - è stato un anno già molto difficile, ma Alitalia è riuscita ad arrivare ad un soffio dal pareggio operativo. Quest'anno sono cambiate due cose, purtroppo in peggio: il quadro macroeconomico che è in avvitamento e l'aumento del prezzo del petrolio, fondamentale per i nostri costi”.  Ragnetti ha poi affrontato il tema della concorrenza treno-aereo sulla tratta Roma-Milano. Secondo Ragnetti, nella scelta che quotidianamente i viaggiatori fanno in Italia per raggiungere Milano da Roma e viceversa tra il treno e l'aereo “è dimostrato dai numeri - ha ricordato - che chi perde quote di mercato siamo noi”. 

Nessun commento:

Posta un commento