mercoledì 15 febbraio 2012

Tratte sociali addio?


[Mihi pinnas inciderant. Mi avevano tarpato le ali. Cicerone] Tratte sociali, ultima chiamata. Nei giorni scorsi è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea il bando di gara per l’affidamento dei collegamenti aerei tra Sicilia, Pantelleria e Lampedusa. Chi vincerà l’appalto si troverà tra le mani quasi 15 milioni di euro targati Stato e Regione, che serviranno a coprire il servizio per un anno e mezzo, a partire dal 25 marzo prossimo. E fino a settembre 2013. Poi il buio più assoluto. Le tratte sociali sono a rischio perché non sono stati rimpinguati i fondi che consentono agli isolani di raggiungere la terraferma in aereo a prezzi più bassi. Attualmente i collegamenti aerei a tratta sociale sono assicurati da Meridiana che ha vinto il bando nel 2010. Dallo scorso anno la compagnia opera in regime di proroga che adesso scadrà il prossimo 21 marzo. Aviapartner, a Palermo, si sta preparando al peggio attivando la procedura per la mobilità volontaria se Meridiana dovesse perdere le tratte sociali.  Il vero problema per Ap si presenterà a ottobre. Nel frattempo un sindacato grida, a noi sembra compiaciuto, alla  nuova emergenza occupazionale di Punta Raisi. La mobilità sarebbe volontaria.  Le tragedie greche lasciamole alla vicina Grecia. Le maestranze Ap di Palermo sono preoccupate dell’assenza del commerciale: dopo poco più di un anno a Palermo non sono riusciti ad acquisire un nuovo vettore. Da questa data in poi e in attesa di conoscere il nuovo operatore (il cui nome si saprà proprio in quei giorni), sta andando in scena un vero e proprio black out del servizio prenotazioni aeree. E non ci sono grosse alternative perché le altre compagnie che, nei mesi estivi, atterrano nei due comuni più a Sud d’Italia, spesso hanno prezzi proibitivi. Nel frattempo apprendiamo che  ritornano i voli diretti tra Palermo e New York. Dal prossimo giugno, Meridiana fly-Air Italy ripropone con due frequenze settimanali dal capoluogo siciliano, il martedì e il giovedì, il collegamento per il JFK. Gli orari, studiati per minimizzare l'effetto del jet-lag, permettono di sfruttare in pieno sia l'opportunità di una lunga vacanza che di un breve soggiorno nella Grande Mela.  Sui moderni Airbus A330 della flotta della compagnia che operano questi collegamenti è possibile viaggiare comodamente, rilassarsi e usufruire nel caso lo si desideri, di un sistema d'intrattenimento facile ed intuitivo per vedere film e ascoltare buona musica.  Meridiana fly-Air Italy accompagnano la ripresa estiva di questi voli, offrendo centinaia di posti alla tariffa di 559 euro, andata e ritorno tutto compreso. 

Nessun commento:

Posta un commento