domenica 13 novembre 2011

Napoleone Sarkozy

[Innanzi tutto dì a te stesso chi vuoi essere; poi fa ogni cosa di conseguenza. Epitteto] Le “ambizioni militari, nucleari e balistiche” dell'Iran costituiscono “una minaccia crescente che potrebbe condurre a un attacco preventivo contro i siti iraniani”: lo ha dichiarato il presidente francese, Nicolas Sarkozy. Parlando a Parigi davanti agli ambasciatori di Francia riuniti, Sarkozy ha voluto mettere in guardia Teheran, aggiungendo però che un eventuale “attacco preventivo” provocherebbe “una crisi grave che la Francia non vuole a nessun prezzo”. Il premier della Grecia, Giorgio Papandreou, è un “pazzo” e un “depresso”: sono le parole rigorosamente “off the records” che il presidente francese Nicolas Sarkozy ha rivolto al suo omologo Usa Barack Obama a margine del G20 di Cannes, secondo quanto si legge sul quotidiano Le Parisien che ha raccolto un altro fuori onda della bilaterale Sarkozy-Obama, dopo i durissimi commenti dei due leader sul premier israeliano Benyamin Netanyahu pubblicati nei giorni scorsi dal sito francese “Arret sur images”. Sempre secondo Le Parisien, nel corso dell'incontro, Sarkozy e Obama hanno parlato del premier greco, concludendo che aveva commesso un “enorme errore” ad annunciare un referendum sul piano di aiuto europeo prima di fare marcia indietro. Ma non è tutto. Secondo il settimanale satirico Le Canard Enchaine, sempre molto ben informato sui retroscena dell'Eliseo, Sarkozy si sarebbe sfogato su Papandreou anche con i suoi ministri, dopo il vertice di Cannes: “è un menefreghista, uno sporco imbecille”, ha tuonato Sarkozy, aggiungendo: “Ci ha rovinato il G20 (...) Dirci, a Bruxelles, che accettava il piano europeo e poi proporre un referendum senza parlarcene prima è una pugnalata alla schiena. Uno scandalo assoluto”. Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, avrebbe definito il premier israeliano Benjamin Netanyahu un “bugiardo” in un colloquio privato con il capo della Casa Bianca, Barack Obama, il 3 novembre a Cannes durante il G20. Il presidente americano - secondo un sito specializzato francese - avrebbe risposto lamentandosi di dover ”trattare con lui tutti i giorni”. “Non lo posso più vedere, è un bugiardo”, avrebbe detto Sarkozy stando al sito “Arret sur images”, specializzato nell' analisi mediatica. “Tu non ne puoi più di lui - è stata la risposta di Obama - io devo trattarci tutti i giorni!” Lo scambio era a porte chiuse e “off”, ma è giunto alle orecchie di alcuni giornalisti in modo fortuito, sostiene il sito francese senza precisare se esistano registrazioni. Tutto è accaduto perché l'organizzazione del G20 ha fornito ai giornalisti in anticipo le cuffie per la traduzione della conferenza stampa Obama- Sarkozy. Alcuni inviati hanno collegato subito gli auricolari al telefono cellulare, riuscendo a captare alcune parole della conversazione privata. Diversi giornalisti avrebbero già confermato di aver ascoltato proprio quelle frasi. Nella stessa conversazione, Obama avrebbe rimproverato a Sarkozy di non averlo avvertito in anticipo che avrebbe votato per l'adesione dell'Autorità palestinese all'Unesco come stato palestinese, una decisione alla quale gli USA si sono opposti in modo deciso.

Nessun commento:

Posta un commento