lunedì 13 giugno 2011

Istanbul nido di spie Usa

[Il segreto di un candidato politico è di sembrare stupido come chi lo ascolta, così che gli ascoltatori si sentano intelligenti come lui. Fred Barnes] Istanbul è un “nido di spie” che passano informazioni agli americani sull'Iran: lo si evince dai dispacci dal consolato Usa, nei quali si dà conto degli incontri con molti iraniani che passano informazioni sul regime di Teheran. Dal cable si capisce anche che gli Usa utilizzano le sedi diplomatiche di Istanbul,Dubai e Baku per monitorare l'Iran, dove non hanno una ambasciata. Diverse fonti hanno detto agli Usa, nel 2009, che la salute della Guida suprema Khamenei, è motivo di “preoccupazione”. Al 100% dello spoglio dei voti espressi alle elezioni parlamentari di ieri in Turchia, il partito Akp del premier Recep Tayyip Erdogan risulta aver ottenuto il 49,83% dei consensi e 326 seggi. Lo riferisce l'agenzia statale turca Anadolu. La principale forza di opposizione (Chp) ha avuto il 25,94% e 135 deputati mentre i nazionalisti (Mhp) il 12,99% con 53 seggi. I parlamentari indipendenti, tutti appoggiati dal partito filocurdo del Bdp, hanno ottenuto il 6,58% dei voti e saranno 36. Un'esplosione causata da un rudimentale ordigno - probabilmente un “botto”, almeno secondo la polizia - ha ferito dieci persone che festeggiavano nel sud-est della Turchia il risultato del partito filocurdo Bdp alle elezioni parlamentari turche. Lo riferisce l'agenzia turca Anadolu precisando che lo scoppio è avvenuto a Sirnak. Sei dei ricoverati sono gravi. Lo scoppio è stato causato da “un ordigno artigianale fatto di mortaretti”, precisa l'agenzia aggiungendo che comunque è in corso un'inchiesta per far luce sull'accaduto. Dalla caduta dell'impero ottomano fra Turchia, Iraq, Iran e Siria, i 12-15 milioni di curdi reclamano una maggiore autonomia da Ankara con un'insurrezione che, condotta dalla loro formazione Pkk, dal 1984 ha causato più di 45 mila vittime. Alle elezioni di ieri sono riusciti ad aumentare a 36 i loro 20 deputati.

Nessun commento:

Posta un commento