lunedì 14 febbraio 2011

Meridiana a corto di carburante

[La commedia è finita. Gli applausi dureranno secoli. Ed io li ascolterò dalla casa dell'eterno. Ezra Pound]
Salta lo sciopero dichiarato e non confermato dell'Anpav e Uil Trasporti per il 14 e 15 febbraio del personale di volo Meridiana Fly. È stato differito anche l'altro sciopero già fissato per il 14 febbraio, in contemporanea, da parte dell'Unione Piloti. Dopo l'avvio della mobilità per 910 dipendenti, 'ora siamo nella fase negoziale e gli scioperi verranno dichiarati solo davanti al fallimento dei Tavoli tecnici', ha spiegato Marco Bardini, della Uil Trasporti. Con il senno di poi si è rivelata ben poco azzeccata anche l’acquisizione di Eurofly. Grazie a questa operazione varata all’inizio del 2007, Meridiana puntava a inserirsi nel ricco mercato dei charter verso le mete turistiche della Grecia e dell’Oceano Indiano. Tre anni prima Eurofly era stata venduta in tutta fretta da Alitalia al fondo lussemburghese Spinnaker, che a sua volta l’ha poi girata alla compagnia di base a Olbia. Ma con la recessione alle porte che ha pesantemente colpito il settore delle vacanze, l’azienda appena acquisita non ha dato l’apporto sperato. Anzi. I conti sono andati in rosso e l’anno scorso è partita la giostra dell’ingegneria finanziaria. In sostanza, le attività cosiddette aviation, cioè il trasporto aereo, di Meridiana sono state conferite alla Eurofly quotata in Borsa. Ne è nato un gruppo con circa un giro d’affari potenziale ben superiore ai 600 milioni, ma sono rimaste le perdite. Nel frattempo alla guida della società è approdato il nuovo amministratore delegato Chieli, con una lunga carriera alle spalle tutta in Alitalia. Dopo il crac, il manager non è stato ingaggiato dai nuovi proprietari ma è rimasto a collaborare con la procedura di liquidazione, da dove è infine approdato a Meridiana. Nei primi nove mesi del 2010, ultimo dato disponibile, la compagnia dell’Aga Khan ha perso 16 milioni su circa 500 milioni di ricavi. Un risultato deludente, anche perché l’anno scorso il traffico aereo ha ripreso vigore un pò in tutto il mondo, dando fiato ai conti delle maggiori aziende del settore. Meridiana invece è rimasta ai margini e neppure l’aumento di capitale varato l’estate scorsa è bastato a finanziare un nuovo decollo. Per di più la Consob ha inserito la società nella lista nera dei titoli sottoposti a sorveglianza speciale per via dei bilanci a rischio dissesto. Intanto le quotazioni cadevano in picchiata: meno 50 per cento nell’ultimo anno tra scambi al lumicino. Tutti i piani di rilancio hanno dovuto fare i conti con i debiti. Per mesi il gruppo ha negoziato nuovi prestiti con le banche e poco prima di Natale è stato siglato l’accordo con Intesa, Unicredit e Bnl per estendere fino al 2013 la linea di credito in scadenza per 15 milioni di euro, mentre Bnl e Unicredit hanno garantito un ulteriore finanziamento di 7,5 milioni. Meridiana Fly ha spedito le lettere raccomandate per l'avvio delle procedure di mobilità nei confronti di 910 dipendenti. Viene così concretizzata la decisione già assunta dal cda per far fronte alla crisi della società con piano che i vertici aziendali avevano definito di "lacrime e sangue".Scattano ora i 75 giorni di tempo previsti dalla legge 223 per le trattative tra sindacati e azienda. Secondo quanto si è appreso, almeno 210 lavoratori potrebbero essere impiegati nei servizi che Meridiana intende esternalizzare: call center, controllo fatturazione e buste paga, servizi informatici. L'azienda ha inoltre confermato la volontà di lasciare a terra 9 Md80 sui 17 della flotta attuale, garantendo comunque che tutte le rotte sarde verranno mantenute. Fonti aziendali fanno sapere che i vertici della compagnia sono disponibili da subito ad aprire il confronto con le organizzazioni sindacali. I sindacati, però, temono che "con questo piano industriale si voglia trasformare Meridiana in una piccola compagnia low cost". Continua la corsa di Meridiana Fly in Borsa: il titolo della compagnia aerea controllata dall'Aga Khan è in asta di volatilità con un rialzo teorico del 15,11%. Secondo gli operatori, Meridiana Fly sta sfruttando le voci di un interessamento sia di Alitalia sia di Lufthansa, grazie a 'slot' ritenuti profittevoli.

Nessun commento:

Posta un commento