venerdì 16 aprile 2010

Sindacati a 90 gradi


[NON SI FUGGE PERCHE' SI HA PAURA, SI HA PAURA PERCHE' SI FUGGE. William James]

Differito dal 16 al 19 aprile lo sciopero degli addetti all'handling di tutti gli aeroporti nazionali. Lo sciopero proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugltrasporti è inoltre ridotto da 24 ore ad 8 ''a seguito della comunicazione della Commissione di garanzia e dell'incontro fissato dalla stessa con i sindacati giovedì 15 aprile''. Alla base dello sciopero ''il rinnovo del contratto collettivo, scaduto oltre 2 anni, e la stipula del contratto nazionale del personale di terra del trasporto aereo e delle attività aeroportuali''. Riprogrammato nuovamente(della serie decidi tu -datore di lavoro-quando devo fare sciopero) per il 14 maggio lo sciopero di 8 ore degli addetti all'handling di tutti gli aeroporti nazionali. ''La decisione è stata presa - sostengono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugltrasporti - a seguito dell'intervento della Commissione di garanzia che ha ritenuto illegittimo lo sciopero inizialmente programmato per il 16 aprile ed in seguito differito al 19 e ridotto da 24 ad 8 ore''. ''Le motivazioni della protesta - spiegano i sindacati - sono da ricercare nella legittima rivendicazione del sindacato e dei lavoratori ad esigere un rinnovo contrattuale scaduto da più di due anni''.Venerdì 23 aprile nuovo sciopero, stavolta di 24 ore, di tutti gli addetti al trasporto ferroviario e servizi e di quelli delle aziende di trasporto pubblico locale. A proclamarlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast «per il nuovo contratto nazionale della mobilità che - affermano i sindacati - da giugno 2009 a gennaio 2010 non ha prodotto nulla di concreto per esclusiva responsabilità delle controparti datoriali». Il nuovo sciopero segue quello di 4 ore del 19 febbraio e quello, sempre di quattro ore, indetto dalla Cgil il 12 marzo scorso. Le organizzazioni sindacali hanno anche sollecitato l'intervento nella vertenza del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, spiegando che «finora è mancato il richiesto contributo» del dicastero «per ripristinare le condizioni di agibilità del negoziato e per una rapida definizione della prima fase negoziale, che avrebbe consentito di affrontare, finalmente, anche le questioni connesse agli adeguamenti salariali nell'arco di vigenza del nuovo contratto nazionale di lavoro». In una nota congiunta, le sigle sindacali sostengono che «governo, parlamento, Regioni ed Enti Locali sono ancora in tempo per evitare l'inasprimento della vertenza, per rimuovere gli ostacoli e le strumentalità irresponsabilmente e cinicamente frapposti dalle controparti datoriali, per sostenere la ripresa della trattativa, la rapida chiusura di questa prima fase del negoziato e, in questo contesto, la definizione delle risposte contrattuali di cui il lavoro ha diritto». Infine, i sindacati chiedono un'audizione alle competenti Commissioni parlamentari, all'Anci, all'Upi e alla Conferenza delle Regioni.

Nessun commento:

Posta un commento