giovedì 29 aprile 2010

Lavoratori aeroportuali sciopero il 3 maggio

[ABBIATE FEDE IN DIO, RAGAZZI, E ATTENTI A NON BAGNARE LE POLVERI. Oliver Cromwell]
Sciopero lunedì 3 maggio 2010 dalle ore 12.00 alle ore 16.00.
Si stanno purtroppo materializzando tutte le preoccupazione che SdL Intercategoriale da tempo sta denunciando e cioè che i sindacati confederali Filt-Cgil Fit-Cisl Uiltrsporti l’Ugl, in barba a tutti i proclami relativi alla necessità di un unico contratto di riferimento per il settore del trasporto aereo, di fatto si apprestano a concludere l’ennesima trattativa a perdere che oltre a generare l’ennesima frantumazione contrattuale, sancirà peggiori condizioni salariali e normative anche per i lavoratori delle aziende di handling. Si rischia quindi di alimentare l’affannosa quanto sistematica ricerca del profitto da parte delle aziende del settore, esclusivamente tartassando i lavoratori aeroportuali, attraverso il continuo peggioramento della normativa contrattuale e il taglio dei salari, già fortemente decurtati da indici di inflazione mai recuperati. Ad avvalorare queste considerazioni, la poca chiarezza degli obiettivi dello sciopero già effettuato dai sindacati confederali e l’assoluta mancanza di confronto con i lavoratori, unici destinatari sia dei disastri già consumati che delle scelte che, i soliti noti si apprestano a compiere senza alcun mandato. Per questi motivi SdL Intercategoriale si opporrà contro qualsivoglia ipotesi di frammentazione contrattuale, ma soprattutto la necessità che il contratto Assaeroporti (sottoscritto il 26 gennaio 2010 (normativa-aumenti salariali e una tantum), venga applicato a tutti i lavoratori aeroportuali. Pur consapevoli che il contratto Assaeroporti, non ha garantito il recupero dell’inflazione e che contiene parte della normativa da migliorare sensibilmente, nella situazione data, rappresenta però la condizione di partenza per future rivendicazioni e soprattutto l’elemento che se applicato a tutti i lavoratori aeroportuali, può impedire la frammentazione contrattuale così cara alle parti datoriali e che ha già prodotto pesanti danni.

1 commento:

  1. Caro ENZO vogliamo SDL a PALERMO al più presto, siamo stufi dei confederali, che hanno fatto contrattazioni al ribasso, per favorire i padroni e se stessi, SDL e il vero Sindacato che stà da parte dei lavoratori, non scende a compromessi, è fà vera lotta.

    RispondiElimina