lunedì 29 marzo 2010

Fs sopprime linea Sr-Rg-Cl nei festivi

[I GENITORI MI AMAVANO MOLTISSIMO DA PICCOLO. NELLA CULLA MI METTEVANO SEMPRE UN ORSETTO. VIVO. Woody Allen]
Da ieri la tratta ferroviaria Siracusa-Ragusa-Gela-Caltanissetta è chiusa al traffico nei festivi e non sono previste nemmeno corse sostitutive in pullman. A lanciare l'allarme, Cub trasporti che denuncia la soppressione della linea, soprattutto in vista della stagione estiva, visto che si tratta di una linea a vocazione turistica."La CUB Trasporti denuncia la solita beffa a danno delle popolazioni del sud-est siciliano - si legge in uno nota del sindacato - i chilometri-treno risparmiati con la chiusura della linea ferroviaria verranno utilizzati incrementando il traffico sulla tratta Messina-Catania. Ancora una volta siamo terra di rapina". Pertanto il sindacato invita le organizzazioni sindacali dei ferrovieri e i lavoratori del comparto a concordare una manifestazione a Palermo davanti l'Ars, per premere sulla firma del contratto di servizio sulla gestione della rete ferroviaria siciliana e perorare la causa dello sviluppo della tratta, a partire dal ripristino delle corse domenicali e festive soppresse". «Per i pendolari le proteste ci saranno sempre, perché nei giorni feriali e nelle due ore di punta l'affollamento è tale per cui avere posti e treni per tutti è difficile. È un problema non solo italiano, ma mondiale». Lo ha detto l'ad di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, nel corso della quale ha annunciato che comunque le Fs stanno cercando di risolvere il problema con investimenti per due miliardi di euro. «È difficile - ha detto Moretti - pensare di avere una flotta adeguata solo per quelle due ore di punta, per il resto del giorno sarebbe sovradimensionata». Nonostante ciò, ha sottolineato Moretti, «i clienti stanno crescendo. Anche se ci sono contestazioni ai treni, tutti sanno che sarebbe peggio prendere la macchina per fare ore di fila senza sapere quando si arriva». Miglioramenti arrivano sul fronte della puntualità, «in questi primi mesi dell'anno è a livelli superiori rispetto all'anno scorso e ai livelli contrattuali con le Regioni» ha spiegato Moretti, e su quello della pulizia dei treni, un problema affrontato «cambiando quasi tutte le ditte: in alcune regioni i risultati sono già soddisfacenti, come la Puglia, in altre lo saranno al massimo entro 3-4 mesi».

Nessun commento:

Posta un commento