mercoledì 17 febbraio 2010

POCHE ORE ALL'ALBA

[LA MIA CASA CONTINUERA' SU DUE GAMBE E I MIEI SOGNI NON AVRANNO FRONTIERE... Ernesto Che Guevara]
Il giorno che sta per finire ha permesso un attimo di riflessione tra gli operai e gli impiegati della Pae Mas. Chi è ottimista per forza perchè ha il mutuo da pagare, un figlio e la moglie che lavora anche lei in Pae Mas. Oppure chi ha un figlio e basta ..., poi ci sono i pessimisti che hanno vissuto vari fallimenti da Air Sicilia a Alisea, da Si Fly a Nj Italia, solo per citare alcuni casi. Ma i più preoccupati di tutti sono gli stagionali, senza nessuna garanzia partecipano alla lotta. Domani sarà una giornata importante, nella palazzina dell'Enac ci sarà l'incontro con Enac,Prefettura,Gh Palermo, Pae Mas, Meridiana e Gesap e i sindacati. Ma ci sarà anche il sindaco di Cinisi, Salvatore Palazzolo, che ha convocato per domani alle 12 una riunione della giunta all'aeroporto "Falcone e Borsellino" di Palermo per manifestare solidarietà ai lavoratori della Pae-mas, molti dei quali sono cinisensi, che da sei giorni protestano per la difesa del loro posto di lavoro. I lavoratori della Pae-Mas rivendicano garanzie sul posto di lavoro e il ritiro della procedura di mobilità per 50 dei 65 dipendenti in organico (15 stagionali), avviata dalla Pae-Mas, che gestisce iservizi delle compagnie Meridiana e Easyjet. Il contratto di Meridiana è scaduto il 31 dicembre scorso ed è in proroga fino al 18 marzo. L'Ast aeroservizi, società a partecipazione della Regione siciliana, che già opera nell'aeroporto di Lampedusa, potrebbe prendere il posto di Pae-Mas e i lavoratori temono il licenziamento. "E' strano – dice il sindaco Palazzolo – che l'Enac prenda in considerazione l'ipotesi che sia una società a partecipazione pubblica, tra l'altro con un consistente esubero di personale, a entrare in gara per l'affidamento di questo genere di servizio. In passato era sempre stata esclusa un'ipotesi di questo genere e abbiamo paura che dietro l'operazione ci sia una manovra politica per far entrare l'Ast dentro l'aeroporto a discapito delle maestranze locali". Domani mattina alle ore 10 la commissione parlamentare Attività produttive, su proposta del presidente Salvino Caputo, si riunirà all’aeroporto Falcone e Borsellino, in concomitanza della riunione disposta dal prefetto di Palermo, per affrontare le tematiche occupazionali che stanno creando gravi disagi allo scalo di Palermo. “Siamo di fronte – ha dichiarato Salvino Caputo – ad una giusta vertenza occupazionale che sta mettendo in ginocchio l’aeroporto di Palermo con gravissimi disagi per i viaggiatori. Stupisce – ha concluso Salvino Caputo – la disattenzione del governo regionale su una situazione gravissima che sta danneggiando l’economia siciliana”. Domani, finalmente, l'aeroporto di Palermo potrà avere un pò di folla, visto e considerato che spesso sono più numerosi i dipendenti dei passeggeri. Troppa carne sul fuoco domani e il pericolo è che ci sia troppo fumo.

Nessun commento:

Posta un commento