mercoledì 13 gennaio 2010

Tps decolla con Ryanair

[SIAMO NATI TUTTI IGNORANTI, MA DOBBIAMO LAVORARE SODO PER RESTARE STUPIDI. Benjamin Franklin]

E’ Trieste la nuova destinazione raggiungibile dall’aeroporto di Trapani. Con l'entrata in vigore dell'orario estivo, dal 30 marzo, infatti, Ryanair collegherà Birgi allo scalo di Ronchi dei Legionari (Gorizia) tre volte alla settimana. I voli saranno operati il martedì giovedì e sabato con partenza alle 17.55 da Trapani e arrivo al Ronchi alle 19.35 mentre la partenza dal Friuli è prevista alle 20 con atterraggio in Sicilia alle 21.40. I biglietti sono già prenotabili. Anno d’oro, il 2009, per l'aeroporto di Trapani-Birgi che con 1.069.528 passeggeri transitati ha registrato un incremento del traffico del 100,55% rispetto al 2008 (533.310 passeggeri). In dodici mesi, ci sono stati 10.038 voli (+37,38% rispetto ai 7.307 voli del 2008) verso 21 diverse destinazioni nazionali ed europee. Il coefficiente di riempimento medio dei voli ha superato il 70% con punte del 90% su alcune tratte nazionali (Roma, Bergamo, Pisa, Bologna). L'aumento dei voli ha coinciso con l'incremento delle rotte operate da Ryanair che dal maggio 2009 ha scelto Trapani-Birgi come base operativa. Nell'aerostazione fanno base due velivoli della low cost che nella primavera 2010 dovrebbero divenire quattro. Gli aerei Meridiana, che coprono le tratte onerate Trapani-Pantelleria-Palermo, hanno trasportato 40.461 passeggeri contro i 43.592 del 2008, con un calo del 7,19%. Dopo la chiusura, al 31 dicembre 2008, di tutti i cantieri che hanno cambiato il volto dell'aerostazione, il 2010 dovrebbe essere l’anno dell’ulteriore potenziamento delle infrastrutture aeroportuali. Si tratta di interventi da tempo programmati e che hanno già conseguito la relativa convalida da parte dell’Enac e che quindi sono immediatamente esecutivi e saranno cantierabili non appena i finanziamenti verranno trasferiti ad Airgest: recinzione aeroportuale e sistema di videosorveglianza; sistema di informativa di scalo; completamento del BHS (baggage handling system) con nuovi nastri trasportatori; opere di sistemazione idraulica ed ambientale all’interno del sedime aeroportuale.

Nessun commento:

Posta un commento