venerdì 17 aprile 2009

MISTER IKEA VIVE DA FRUGALE PENSIONATO

E' settimo nella hit parade degli uomini più ricchi del pianeta ma veste da povero pensionato, guida una Volvo vecchia di quindici anni e la spesa al mercato la fa di pomeriggio, quando in genere i prezzi sono più bassi del mattino. E se può vola 'low cost', con Easy Jet. Ingvar Kamprad, fondatore dell'impero Ikea, fa vita davvero frugale in Svizzera dove si è installato assieme alla moglie Margaretha. Secondo un reportage del tabloid 'Daily Mail' è difficile trovare qualcuno più risparmioso di lui. Ottantun anni, da sempre alle prese con problemi di alcolismo, simpatizzante nazista in gioventù, Kamprod ha fondato Ikea in Svezia nel 1943 quando era ancora un ragazzo. Scelse il nome addizionando alle sue iniziali (IK) le prime lettere della fattoria di famiglia dove è cresciuto (Elmtaryd) e del paese natio (Agunnaryd). Dopo aver fatto di Ikea un gigante mondiale della mobilia funzionale e componibile Ingvar Kamprad ha lasciato qualche anno fa ai tre figli (Peter di 44 anni, Jonas di 41 e Matthias di 39) il controllo della multinazionale in iperbolica espansione e si é ritirato in Svizzera dove ha comprato un modesto bungalow e lo ha arredato con le stesse cose a buon mercato in vendita nei suoi negozi (da lui stesso montate). Che abbia un patrimonio pari a circa 20 miliardi di euro proprio non si vede dal suo tran-tran: di recente ha avuto difficoltà ad entrare ad una serata di gala nel corso della quale doveva ricevere un prestigioso premio come "businessman dell'anno" perché le guardie del corpo lo hanno visto arrivare in autobus. Anche quando viene a Londra evita di prendere il taxi e gira in metropolitana o in autobus. E si vanta di aver scaricato dopo molti anni il parrucchiere di fiducia quando ne ha trovato un altro che gli fa lo stesso servizio di barba e capelli ad un prezzo più conveniente, circa 7,5 euro. "Con i soldi - ha spiegato - sto abbastanza attento. Sono una specie di scozzese di Svezia. D'altronde se incomincio a comprare beni di lusso spingo gli altri a imitarmi ed è importante che i leader diano il buon esempio". In coerenza con questa filosofia Mister Ikea sta alla larga dai ristoranti più costosi e ha dato una luminosissima prova della sua eccezionale frugalità quando la cittadina natale gli ha eretto una statua: ha tagliato il nastro inaugurale come si fa in queste occasione e poi l'ha ripiegato con cura e consegnato al sindaco. "Può essere ancora usato", gli ha sussurrato.Ingvar Feodor Kamprad (Ljungby, 30 marzo 1926) è un imprenditore svedese fondatore (nel 1943) di IKEA. Kamprad ha cominciato a costruire il suo business fin da ragazzo, vendendo fiammiferi ai vicini con la sua bicicletta. Successivamente scoprì che poteva acquistare i fiammiferi ad un prezzo molto basso presso un fornitore di Stoccolma, in modo da poter trarre maggior profitto nella vendita abbassando leggermente i prezzi. Dai fiammiferi, si espanse vendendo pesce, decorazioni per alberi di natale, semenze da giardino e successivamente penne a sfera, matite. Quando compì 17 anni suo padre gli diede dei soldi come regalo per i buoni risultati che ottenne con gli studi. Kamprad usò questi soldi per costruire e fare crescere il suo stabilimento che chiamò IKEA. L'acronimo IKEA è composto dalle iniziali del suo nome (Ingvar Kamprad) o IK più Elmtaryd, la fattoria di famiglia dove è cresciuto, e Agunnaryd, un piccolo villaggio nella provincia di Småland. Ha ammesso che la sua dislessia ha giocato una larga parte del lavoro iniziale della compagnia. Per esempio i nomi in svedese dei mobili IKEA sono stati scelti da Kamprad perché aveva difficoltà nel ricordare i numeri. Kamprad ha vissuto a Epalinges fin dal 1976. Come ha dichiarato in un'intervista per la televisione svizzera di lingua francese TSR, Kamprad guida una macchina vecchia di 15 anni, vola in classe economica e incoraggia i dipendenti IKEA a scrivere sempre su tutti e due i lati di un foglio. Kamprad ha anche ammesso il suo alcolismo, ma ha dichiarato che ora il suo "bere" è sotto controllo. Nel 1994 le lettere personali dell'attivista fascista Per Engdahl sono state rese pubbliche dopo la sua morte ed è stato rivelato che Kamprad entrò a fare parte degli Engdahl's pro-Nazi un gruppo nazista nel 1942 e che contribuì al reclutamento di nuovi membri fino al tardo settembre del 1945 quando uscì dal gruppo rimanendo amico di Engdahl fino all'inizio degli anni '50.Dopo quella rivelazione pubblica, Kamprad ha dichiarato di provare rammarico per quella parte della sua vita, definendola il più grande errore che abbia mai fatto, e ha scritto una lettera di scuse rivolta a tutti i suoi impiegati ebrei. Al gruppo appartenevano Engdahl e Sven Olov Lindholm, leader del movimento filonazista svedese. È risaputo che IKEA è uno dei pochi rivenditori ad avere un deposito all'interno dello stato di Israele: questo riflette un tentativo di eliminare questa polemica.Secondo il settimanale svedese Veckans Affärer, Kamprad è la persona più ricca del mondo. Tuttavia, IKEA nega questa asserzione: Kamprad non è più il proprietario dell'azienda (in una sua dichiarazione spiega di aver dato le dimissioni perché desiderava pagare meno tasse), quindi IKEA non dovrebbe essere inclusa nel computo dei suoi possedimenti. Forbes magazine, continua a riportare al primo posto Bill Gates mentre Kamprad si trova ora in quarta posizione - prima dell'articolo sul Veckans Affärer si trovava al dodicesimo posto. Secondo il provider tedesco T-Online, Kamprad è il più ricco del mondo, con 53 miliardi di dollari americani. A partire dal marzo 2005, la perdita di valuta del dollaro americano ha messo Kamprad in testa alla classifica delle persone più ricche del mondo. Nel marzo 2009, Forbes magazine ha stimato la sua fortuna a 22 miliardi di dollari americani.

1 commento:

  1. Il fondatore di Ikea, Ingvar Kamprad, è morto all’età di 91 anni: lo ha reso noto lo stesso gruppo sul suo sito Internet. Il padre del mobile low cost che è riuscito a creare un impero economico, con centri commerciali presenti in quasi tutto il mondo. Kamprad fu un "ragazzo prodigio": creò Ikea quando aveva poco più di 17 anni e grazie alla quale è diventato uno degli uomini più ricchi del pianeta con un patrimonio personale stimato in circa 33 miliardi di dollari.L’Antitrust europeo ha annunciato di aver avviato una indagine approfondita sul regime fiscale di Ikea in Olanda, in particolare su Inter Ikea. In particolare, la Commissione europea sospetta che due accordi fiscali dell’Olanda abbiano consentito a Inter Ikea di pagare meno tasse e in questo modo, riporta un comunicato dell’Ue, di ottenere un vantaggio anticoncorrenziale su altri operatori, violando le normative europee sugli aiuti di Stato. “Tutte le società, grandi o piccole, multinazionali o no, devono pagare la loro quota di tasse”, ha affermato la commissaria responsabile della concorrenza, Margrethe Vestager nella nota. “I Paesi membri non possono lasciare che imprese selezionate paghino meno tasse spostando artificiosamente i loro profitti altrove. Ora esamineremo approfonditamente il trattamento fiscale di inter Ikea in Olanda”.

    RispondiElimina