mercoledì 25 marzo 2009

Fs supervisiona piano ristrutturazione Fs egiziane


Un contratto da 10 milioni di euro per ristrutturare le ferrovie egiziane, una delle più estese (quasi 11 mila chilometri) reti ferroviarie del mondo arabo è stato firmato dall'amministratore delegato delle Fs Mauro Moretti, il ministro dei trasporti d'Egitto Mohamed Lotfty Monsour e il presidente delle Fs egiziane Mahmoud Samy alla presenza del ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli. Siamo convinti degli ottimi risultati che l'azienda guidata da Moretti raggiungerà in terra africana. Basta fotocopiare quello che è stato fatto in Sicilia e in tutto il sud d'Italia (treni sporchi, ritardi a go-go, qualche incidente ...)e applicarlo in Egitto. Siamo sicuri che le autorità egiziane potevano scegliere meglio il patner che dovrebbe ammodernare le ferrovie. Certamente la popolazione rimpiangerà la vecchia e malandata gestione. Le Fs italiane svolgeranno un ruolo di advisor al piano di ammodernamento delle ferrovie egiziane, piano del valore complessivo di circa tre miliardi di euro. L'accordo segue il memorandum d'intesa siglato tra i due paesi a dicembre 2007. Moretti ha sottolineato che si tratta di "un'opportunità importante, potremmo partecipare alle gare con le nostre società e potranno parteciparvi altre imprese italiane”. Dieci senior manager dell'azienda italiana sono già operativi al Cairo, per supportare il piano di ristrutturazione dell' Egyptian national railways (Enr) e per la modernizzazione della loro gestione.

Nessun commento:

Posta un commento